Passa ai contenuti principali

Game Over suor Cristina

suor cristina alza al cielo crocifisso e premio di the voice

Italia: un paese di geni e mediocrità.

L'Italia è il paese di Dante e Michelangelo, ma anche il paese del pressapochismo, del bigottismo e della mediocrità. A volte sembra un humus che permette a questi grandi fiori di sbocciare. In questa stagione the voice è riuscito a dare il peggio di se e, per mantenere alti gli ascolti, trovandosi in concorrenza con una pletora di trasmissioni fondate sui litigi, su giudici incazzosi e su carognate tra concorrenti, ha giocato una carta sempre buona in Italia: il Vaticano!
Era già difficile per me sopportare la pena che mi davano Piero Pelù e J-Ax, ex dannati, ora macchiette di se stessi per un po di soldi e un po di popolarità! Facevano più pena di altri (vedi Morgan) perchè vedere el Diablo fare estrarre dal suo repertorio da palcoscenico facce e atteggiamenti da star, per sostenere una sua concorrente, fa davvero tenerezza.

Suor Cristina: il nuovo fenomeno mediatico.

Comunque, visto il rischio di un flop della trasmissione, ecco la carta suor Cristina Scuccia. Un vero asso da briscola, sotto ogni punto di vista! La sua comparsa è già un chicca: J-Ax che si commuove e piange. Forse l'ex leader dell'articolo 31 non ha le idee molto chiare su cosa sia una suora. Ho lavorato per anni coi diversamente abili, e anch'io mi sono commosso davanti ad alcuni gesti. Vedere come una persona diversamente abile utilizza i suoi mezzi per manifestare i propri sentimenti (non potendolo fare in modo ortodosso) fa una tenerezza infinita. Lo capisco bene io! Ma una suora non è necessariamente diversamente abile: può cantare, ballare, ridere e giocare come qualunque normodotato! Sarebbe stato carino farglielo sapere prima, per evitare gaffes. Poi si parte con l'ovvio: scegli me così facciamo il diavolo e l'acqua santa. Battuta prevedibile che è stata la colonna portante di tutto il programma. Ma la forza di suor Cristina non sta qui! La sua forza in realtà è un'altra: la nostra sorella di fatto è una cantante assai mediocre, e quindi scatena l'ira di coloro i quali si aspetterebbero dal pseudo-reality musica di qualità, ma, contemporaneamente appare uno squadrone di fedeli pronti a sommergere di insulti, invettive e anatemi chiunque si permetta di contestare la loro nuova star!

Clero, fede e insulti!

Ed ecco che la chimica è fatta: pagine e pagine di insulti sotto ogni video pubblicato su youtube, il miracolo è fatto! Tutto il mondo parla di The Voice. La vittoria della star non è scontata, mentre è scontato che arriverà in finale. Una sua dipartita infatti, avrebbe significato perdere la metà degli ascolti. Oggi la suora ha vinto il programma, la coppa del nonno direbbe il grande Pino Scotto, ed ha pubblicato il suo inutile album, passato del tutto inosservato alle masse. Persino ai suoi fedeli, che se da un lato la venerano e sono disposti a rovinarsi il fegato, dall'altro non hanno nessuna voglia di ascoltare banali cover reinterpretate da una cantante mediocre. Poco fa, cercando di far nuovamente parlare di se,  si è giocata la carta sesso: un'intervista dove la suora ha raccontato del suo primo amore e del fatto di essere contraria ai rapporti prematrimoniali. Davvero troppo poco!

Cosa ne penso di questo fenomeno da baraccone?

Cosa ne penso io di suor Cristina? Che come chiunque aveva diritto a partecipare  alla trasmissione, quello che mi ha terribilmente irritato era vederla con l'abito da suora. Perchè? Era una ragazza che si divertiva a cantare o era li in veste di rappresentante del clero? Non ci irriteremmo se un generale dei carabinieri partecipasse alla trasmissione e si presentasse sempre in divisa? Che alla fine, suo malgrado, ha trasformato la fede in una merce, messa a disposizione di coloro i quali da anni utilizzano il loro potere mediatico per propagandare i peggiori valori: sesso, denaro facile e ricchezza. Per finire mi ha veramente scosso la mancanza di umiltà: non l'ho mai vista fare i complimenti, dare un abbraccio o dire una parola di conforto ad una cantante da lei eliminata.
Oggi la dura legge del rock (come la chiama il grande Vasco) ha fatto giustizia: la carriera artistica di suor Cristina è finita ancor prima di cominciare.
Ora la mia curiosità è: cosa inventerà il prossimo The Voice per stupire? Un'idea c'è l'ho, ma me la tengo per me!
Ho scelto quella foto perchè meglio di ogni altra riassume quello che per me sono il diavolo e l'acqua santa: il crocefisso e il premio di the voice!

Commenti

  1. Ma chi e' l'ebete che ha scritto questo articolo ridicolo, un consiglio vai a nasconderti buffone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto sopra tu rientri in quello squadrone di fedeli pronti ad insultare chi attacca il loro idolo! Sei solo una pedina della macchina di questo business

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.