Passa ai contenuti principali

A modo tuo - Elisa

elisa interpreta a modo tuo di luciano ligabue

Un capolavoro firmato Elisa e Ligabue.

A modo tuo è il titolo del testo della canzone cantata da Elisa, tratto dall'album L'anima vola.
In realtà, il testo e la base musicale, sono stati scritti e donati dal gentilissimo Luciano Ligabue, che, a mio avviso, quanto più passano gli anni più scrive capolavori!
In questo testo l'impronta del cantautore emiliano è molto marcata ed è davvero perfetta per la grande interprete friulana. Il testo ruota attorno ad un tema molto caro all'autore: da un lato il pessimismo di chi è consapevole di come giri il mondo attorno a se, dall'altro l'ottimismo di chi ha capito che è ancora possibile essere felici, se impari a credere nelle cose semplici e davvero importanti, primo fra tutti l'amore. La canzone è dedicata ad un ipotetico figlio, al quale si augurano le cose migliori, ma anche le scuse per il mondo che gli stiamo lasciando.

Non si è mai abbastanza grandi per essere padri.

Che succeda a venti, trenta o anche cinquant'anni, non ci si sente mai pronti ad essere padri. Si avverte che la nostra vita cambia, che è necessario essere più responsabili, che bisogna cominciare a dare un valore a cose che prima ci sembravano superflue, ed anche a rendere superflue cose che prima avevano un valore. E non si ha mai abbastanza tempo per farlo. Sicuramente è il momento in cui un uomo diventa adulto, e lo deve fare prima che il figlio cominci a fare le domande, non solo le domande del bambino che scopre il mondo, ma anche le domande dell'adolescente che deve fare delle scelte importanti.
Sarà difficile diventar grande
prima che lo diventi anche tu
tu che farai tutte quelle domande
io fingerò di saperne di più
sarà difficile
ma sarà come deve essere
metterò via i giochi
proverò a crescere 

È difficile vedere i bambini crescere.

I bambini non lo sono per tutta la vita. I bambini crescono, diventano a loro volta adulti e ad un certo punto se ne vanno. Nessuno ci pensa quando diventa padre, ma prima o poi accade, e, in questi momenti, spesso sono loro ad essere più preparati di noi. Loro, a cui spesso dobbiamo anche delle scuse, per non essere stati in grado di preparagli un mondo migliore.
Sarà difficile chiederti scusa
per un mondo che è quel che è
io nel mio piccolo tento qualcosa
ma cambiarlo è difficile
sarà difficile
dire tanti auguri a te
a ogni compleanno
vai un po' più via da me 

Dobbiamo accettare che la tua vita alla fine la devi decidere tu.

Alla fine il nostro contributo alla crescita di un bambino è minimo. Sarà lui a fare le scelte, sarà sempre lui che cadrà e che, con le sue forze, dovrà rialzarsi. Saranno sempre i suoi occhi a vedere il mondo come lo vede lui, e sarà lui a decidere se fare qualcosa per migliorarlo.
A modo tuo
andrai
a modo tuo
camminerai e cadrai, ti alzerai
sempre a modo tuo
A modo tuo
vedrai
a modo tuo
dondolerai, salterai, cambierai
sempre a modo tuo 

Padri, non padroni!

Noi tutti vorremmo il meglio per i nostri figli. Forti degli errori che abbiamo fatto in passato, vorremmo che loro non li ripetessero. Che ascoltassero i nostri consigli e facessero tutto nel modo migliore. Che non trasgredissero mai una regola, che scegliessero sempre come sceglieremmo noi, ma con la testa di oggi. Ma è pura illusione, lui farà tutto con la sua testa, farà i nostri stessi errori o ne farà di diversi. Noi potremo solo stare a guardare, anche se questo può essere doloroso.
Sarà difficile vederti da dietro
sulla strada che imboccherai
tutti i semafori
tutti i divieti
e le code che eviterai
sarà difficile
mentre piano ti allontanerai
a cercar da sola
quella che sarai 

L'impotenza di non poterli tenere sempre stretti a se.

La cosa più difficile sarà capire che sono diventati adulti, che si allontaneranno da noi e, soprattutto, che non saremo più in grado di proteggerli, dai loro errori e da un mondo cattivo. Ed, egoisticamente, sarà anche difficile il distacco, l'aver perso il nostro "giocattolo" preferito. 
Sarà difficile
lasciarti al mondo
e tenere un pezzetto per me
e nel bel mezzo del
tuo girotondo
non poterti proteggere
sarà difficile
ma sarà fin troppo semplice
mentre tu ti giri
e continui a ridere
La considero una canzone semplice, ma toccante. Un'ammissione di colpa che da sola assolve il colpevole. Una confessione che in fondo non maschera il fatto che spesso, verso i nostri figli, siamo noi i primi egoisti, e questo ci porta facilmente a commettere degli errori.
Una canzone semplice, ma arrangiata bene e gradevole. Resa eccellente dalla solita grande interpretazione di Elisa, un sicuro successo commerciale.

Commenti

  1. Per me questa canzone e come se fosse scritta per mia figlia :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…