Passa ai contenuti principali

Rime oscene

Rime talmente idiote che fanno piangere
Capita a volte che nelle canzoni l'autore cerchi a tutti i costi la rima, spesso cadendo nel ridicolo. Un ridicolo che spesso diventa insopportabile quando la rima è parte del ritornello. Alcune davvero, malgrado numerosi sforzi, non le riesco proprio a digerire. Ne elenco qualcuna qui di seguito. L'elenco potrebbe essere arricchito dai vostri suggerimenti.

Zucchero, blu.

Il geniale cantautore non è nuovo a rime inaspettatamente demenziali. A volte credo lo faccia apposta per provocare. Ne metto una a titolo d'esempio (che per'altro non fa nemmeno rima):
C’è un dondolo che dondola Che belle scene di lei che viene
Di bocche piene che fan pendant.”

Sergio Caputo, Garibaldi innamorato.

Chi va là viva Garibaldi uè paisà...
fuoco a volontà...
che clamor! viva Garibaldi
si, senior... el conquistador... 
Trovo Sergio Caputo geniale. Anche nell'idiozia, ma questa è davvero imbarazzante. Mi domando spesso perché un genio del suo calibro, grande musicista Jazz e grande compositore, si presenti sistematicamente a Sanremo con delle canzoncine demenziali. 

Francesco de Gregori, i muscoli del capitano.

"Guarda i muscoli del capitano, tutti di plastica e di metano". So che inserire il nome del maestro de Gregori in questo post potrebbe sembrare blasfemo, ma davvero questa rima la trovo penosa assai! E non cercate di motivarla: è indifendibile!!!

Biagio Antonacci, ti penso raramente.

"è bastato star dentro ad un altro cappotto per capire che in fondo avrei rotto". Penoso tentativo di dire che dopo aver tradito la sua donna aveva capito che la loro storia non poteva continuare. Certo, è un'arte dei poeti dire le cose attraverso metafore, ma questa è proprio dilettantistica. Con l'aggravante che sentirla ripetere mille volte in una canzone la rende davvero irritante.

Fabri Fibra, applausi per fibra.

Rispetto il rapper milanese, ma la canzone "applausi per Fibra" la trovo un capolavoro di demenza. Vorrei trovare una frase che meglio delle altre riassuma la demenza del testo, ma qui veramente l'imbarazzo della scelta è enorme. Per cui ne metto una più o meno a caso: "Mangiavo lucertole aperte, da ragazzino tornavo a casa e vomitavo in mezzo al giardino". Be caro Fibra, io vomito anche qui in salotto se ascolto il tuo testo ;)

Dolcenera, il sole di domenica.

"Se ad ogni mia reazione corrisponderà un'azione". Ad ogni azione corrisponde una reazione, è una delle leggi fondamentali della fisica. Il gioco di parole di invertire le due cose può anche essere divertente. Ma ripeterlo 100 volte in una canzone come se si fosse scoperta l'america proprio no! Ormai mi sono abituato a cambiare canale in fretta durante questa canzone, per non rischiare di doverlo sentire ancora!!!

Marco Masini

"perchè sei bella, bella, bella, bella, bella... ... ... ... ...  STRONZAAAAAAAAAAAAAA". Questa a dire il vero non fa nemmeno rima, ma la ho voluta mettere lo stesso. È una canzone in cui tutto il testo gira attorno ad una parolaccia, e quindi questa viene caricata al massimo da un bella bella bella bella ripetuto mille volte! A me viene in mente Fracchia contro Dracula, quando Filini dice: "ma questo è... questo è... questo è..... DRACULA". Ecco, l'esclamazione di sollievo di Fracchia starebbe benissimo anche nella canzone, quando l'autore dice stronza.

Max Pezzali 883.

"Bello non ti passa più, te la sei voluta tu, vuoi la bicicletta e poi, pedalare cazzi tuoi". Una brutta parafrasi del classico: "hai voluto la bicicletta? Adesso pedala!". Vero che la forza di Max Pezzali è da sempre quella di mettere in musica situazioni ed espressioni della quotidianità, ma questa fa un po ridere. Trovo che vi sia una differenza tra un testo semplice e uno puerile.

Er Piotta, il supercafone.

"Piotta sei grande! Ignorante con l'abbronzante, abbondante fra le mutande". La canzone la trovo divertente e non voglio criticare il testo perchè tamarro. Ma qui siamo all'università della demenza!

Samuele Bersani, freak.

"Ciao Ciao belle tettine. Scusami se parlo male, lo sai che io non sono fine". Su una canzone in cui si parlava di campana tibetana, dei doors e della cultura degli anni 70, una rima così inutile, forzata e quasi volgare mi sembra davvero fuori luogo.

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…