Passa ai contenuti principali

God save the queen - Sex Pistols

cover di good save the queen dei sex pistols

Good save the queen, l'urlo contro il sistema!

Presentarsi con un album con questo titolo è indubbiamente una scelta audace, persino in un paese libertario come l'Inghilterra. E la reazione delle istitutzioni non si fece attendere: quando il gruppo la suonò da una barca sul Tamigi, in occasione del giubileo d'argento della regina, vennero tutti arrestati. La polizia non ci andò per il sottile, e, assieme a loro, portarono dietro le sbarre anche il produttore Michael McLaren e parecchie persone presenti. Certo è che, ancora una volta, i Sex Pistols sono riusciti ad abbattere un muro, e lo hanno fatto con il loro stile, semplice e diretto!
"Dio salvi la regina - God Save the Queen" è l'inno nazionale inglese, il loro inno di Mameli tanto per capirci! Ed è anche un inno che, meglio di qualunque altro, resta legato ad un passato assurdo, fatto di superstizione, monarchia, bigottismo e servilismo. Quale miglior bersaglio per un gruppo che voleva demolire tutto l'ordine costituito?
Tradurre questo testo è davvero facile.
God save the queen
The fascist regime
They made you a moron
Potential H-bomb
Dio salvi la regina (preso pari pari dall'inno nazionale), il regime fascista, ti hanno reso un cretino, una potenziale bomba H. In questo caso il "god save the queen" sta ad intendere l'inno nazionale stesso, simbolo dell'Inghilterra cristiano monarchica.
God save the queen
She aint no human being
There is no future
In England's dreaming
Lei non è ha nemmeno una natura umana (è vero, è un'istituzione), non c'è futuro in Inghilterra per sognare. Insomma, non puoi sognare finchè non abbatti questi dinosauri.
Don't be told what you want
Don't be told what you need
There's no future no future
No future for you
Non puoi dire quello che vuoi, non puoi dire cosa ti serve, non c'è futuro per te! Non c'è futuro per te!
God save the queen
We mean it men
We love our queen
God saves
Dio salvi la regina, non vogliamo questo, noi amiamo la regina, Dio la salvi! Ironia pura, la stessa ipocrisia che usano i politici quando devono distruggere qualcuno. "lo stimo..." "grandi capacità..." solo che non lo vedo adatto...
God save the queen
'Cos tourists are money
Our figures head
Is not what she seems
Dio salvi la regina perchè i turisti sono soldi... come dire: Dio salvi questo fenomeno da baraccone, almeno finchè la gente è disposta a spendere soldi per venderlo...
 Oh god save history
God save your mad parade
Oh lord god have mercy
All crimes are paid
Dio salvi la storia e questa folle parata, Dio abbi pietà, tutti i crimini sono stati pagati. Questa, passata inosservata, è forse l'accusa più pesante rivolta alla regina: Dio salvi la storia, ma in questo caso "salvi" sta per "conservare", la storia e questa folle baracconata. Tutti i crimini sono pagati, pagati si, ma dagli inglesi!
When there's no future
How can there be sin
We're the flowers in the dustbin
We're the poison in your human machine
We're the future you're future 
Quando non ce futuro come può esserci peccato? Non siamo i fiori nel cesto dell'immondizia, il veleno nella tua macchina umana, noi siamo il futuro. Ovvero il futuro, cioè noi, siamo stati buttati nel cesso dall'Inghilterra, che tiene in piedi delle macchine (ricorda qualcosa?).
 God save the queen
We mean it man
We love our queen
God saves
God save the queen
We mean it man
And there is no future
In England's dreaming

Perchè ci sia il futuro bisogna cestinare il passato. 

Ancora ironia, ma questa volta verso la gente che ancora crede nella regina. Come dire, noi ci crediamo alla nostra regina, come no? Ma poi dice "non c'è futuro per il sogno inglese". No future for you viene poi ripetuto ossessivamente. Insomma, secondo Johnny Rotten e compagni perchè il futuro dell'Inghilterra potesse crescere bisognava buttare via questi rimasugli di storia. Invece la storia ha buttato via loro e quindi l'Inghilterra è rimasta senza futuro. Grande canzone, e, come sempre per i Sex Pistols, semplice e diretta!

Commenti

  1. Grazie per l'interpretazione!

    Credo però che "Don't be told what you want" voglia dire "Non lasciare che ti dicano quello che vuoi".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto anche secondo me, comunque gran bel blog complimenti al creatore...continua cosi'!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…