Passa ai contenuti principali

Gelato al cioccolato - Pupo

Pupo non lo sapeva?

pupo negli anni in cui cantava gelato al cioccolato
Di sicuro non c'è bisogno di fare la parafrasi di questo testo, ma di spiegare cosa sia il gelato al cioccolato si! Si tratta certamente di uno dei più grandi bidoni rifilati ad un cantante nella storia della musica. La vittima è il cantante Pupo e, visto lo spessore culturale del personaggio, la cosa non mi sorprende.
Pupo sostiene di aver cantato per anni questa canzone convinto si trattasse di una canzonetta d'amore, immaginate la sua faccia quando l'autore del testo, Cristiano Malgioglio, ha confidato ai media che il gelato al cioccolato non è il cono che prendi in gelateria, ma l'attributo di un ragazzo tunisino con cui ha avuto un'avventura estiva. Eccolo il gelato al cioccolato, dolce e un po' salato... In questo negli anni '70 erano davvero dei geni. Ricordano grandi pittori rinascimentali, come Lorenzo Lotto e El Greco, che riuscivano a rifilare alla chiesa opere ricche di simboli satanici da fare invidia alla sede di una loggia massonica. 
Ci sono gli I Pooh che con pensiero parlano di un carcerato, di Vasco Rossi che in "domani si adesso no" si innamora dell'eroina, di Patty Pravo che viene tentata dalla sua morosa di fare un triangolo con un uomo... appeno ho tempo vorrei scrivere un'articolo proprio su questo.
Vi allego quindi il testo della canzone, e magari, se volete un consiglio, evitate di chiamare Bella e Monella per farla dedicare alla vostra morosa (a meno che la vostra morosa non sia un bel tunisino).

Testo della canzone gelato al cioccolato.

dove vuoi andare
ti amo
ti annoi va bene balliamo
sei bella
ti lasci guardare
con te non c'è niente da fare
nascosta dai lunghi capelli
tu balli ma i gesti son quelli
bambina ti voglio ti sento
ti muovi mi sfuggi mi arrendo
Gelato al cioccolato
dolce e un po' salato
tu gelato al cioccolato
un bacio al cioccolato
io te l'ho rubato
tu gelato al cioccolato
rimani così
che dolce sei tu
non chiedo di più
profumo di fiori di tiglio
fa caldo ma qui si sta meglio
la sabbia è più bianca stasera
ma dimmi che sei proprio vera
Gelato al cioccolato
dolce e un po' salato
tu gelato al cioccolato
un bacio al cioccolato
io te l'ho rubato
tu gelato al cioccolato
rimani così
che dolce sei tu
non chiedo di più
Gelato al cioccolato
dolce e un po' salato
tu gelato al cioccolato
un bacio al cioccolato
io te l'ho rubato
tu gelato al cioccolato


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…