Passa ai contenuti principali

Testi di ieri e testi di oggi

Corsi e ricorsi storici.

La musica è cambiata molto nel corso di questi decenni, e, allo stesso modo, sono cambiati i testi. Soprattutto i temi. Si potrebbe quasi tracciare una linea che parte dagli anni 50 ed arriva fino ad oggi. Anzi, voglio fare il contrario! Partire da oggi e tornare indietro.
Di cosa parlano i testi oggi? D'amore, d'amore, d'amore... siamo tornati agli anni '60, quelli prima della rivoluzione sessuale intendo. Forse le differenze da quei testi sono principalmente due:
  1. il pessimismo: si parla sempre di amori falliti o di amori che vivono situazioni difficili (non solo dal punto di vista affettivo, ma anche di ingerenza economica, sociale o di problemi di salute).
  2. la volgarità: soprattutto i cantanti RAP amano infarcire le proprie canzoni con espressioni volgari e palesi riferimenti al sesso. Si tratta di una semplice, banale ed inutile imitazione dei rapper d'oltreoceano.
Anche la lentezza delle canzoni ne ha ridotto notevolmente il numero di strofe, e, anche sotto questo aspetto, ci riporta indietro. Mancano gli autori o, meglio, gli autori sono gli stessi di 50 anni fa. Gli interpreti sono nuovi, ma anche questi ricordano quelli del pre sessantotto. Passatemi una battuta, ma se negli anni 80/90 ascoltavi Al Bano lo facevi di nascosto perchè ti vergognavi, oggi, rispetto ai nuovi talenti, lo si può considerare rock!

Gli anni 80 e 90.

Gli anni tra i 90 e il 2000 erano dominati dal no-limits! Tutto doveva essere estremo, la musica disco era Tecno o Hard Core, il rock era metallo pesante ed anche la musica italiana ha avuto un suo momento "forte" con i Litfiba, Ligabue, Jovanotti, 99 Posse, tutti sostituiti da Povia, Marco Carta e Arisa. Anche i testi erano estremi, da banali canzoni che ripetevano all'infinito "there's no limits" a Vita Spericolata di Vasco Rossi. Anche Ligabue con "non è tempo per noi", i Litfiba con "el diablo", Jovanotti con "attaccami la spina" si erano perfettamente adeguati. Il tema principale era: nessun tema! Solo casino e adrenalina pura!
Negli anni 80, tornavano i temi degli anni 45-50 degli Stati Uniti, ovvero l'ottimismo, la spensieratezza, il vivere alla giornata. Un vivere alla giornata positivo, come dire, me ne sbatto, mi diverto, tanto le cose domani andranno meglio. Era la risposta alla crisi dei valori degli anni '70, al fallimento dei grandi ideali. I testi erano volutamente superficiali, e sono culminati alla fine degli anni 80 col demenziale. Parlando di testi superficiali, come non pensare a Rock'n'roll robot di Camerini o alzati la gonna della Steve Rogers band e la notte vola di Lorella Cuccarini? Il demenziale arriverà dopo, con Charlie e il suo faccia da pirla e Francesco Salvi con c'è da spostare una macchina.

I cantautori.

Gli unici coerenti sono sempre stati i cantautori. Forse l'unica variazione forte c'è stata dopo l'89 con la caduta del muro di Berlino, e, di conseguenza, l'abbandono della politica nei testi (ma che in fondo era sempre stata velata, più che di politica si parlava di ideali, o, per citare Guccini "cercavamo tutti di imitare Bob Dylan").
Testi da scrivere c'è ne sono ancora molti. Spero che finisca questa fase deprimente, in cui ci si limita ad imitare i cantanti d'oltreoceano, e si cominci a scrivere qualcosa di buono.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
 Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzon…