Passa ai contenuti principali

London Calling - the Clash

alluvione di londra
Col loro fare molto discreto i "the Clash" si sono guadagnati un posto di massimo rispetto nella storia della musica Rock Punk. Nati come gruppo spalla dei Sex Pistols, per anni sono sempre stati considerati uno scalino sotto la celebre band Londinese. Ci ha pensato la rivista Rolling Stones a fare giustizia, ponendo la canzone London Calling al quindicesimo posto delle migliori canzoni di sempre, e l'album omonimo all'ottavo posto dei migliori album rock di sempre, davanti a Sex Pistols, Ramones e tutti gli altri gruppi sul genere.
Una cosa che distingue i Clash da tutti gli altri sono i testi impegnati. Molte band Punk invitavano alla rivolta sociale, all'anarchia, all'autodistruzione... ma erano messaggi semplici e diretti. Non richiedevano un'interpretazione approfondita del testo. Anzi, non la dovevano avere, dovevano essere un pugno sullo stomaco e basta! Cominciare a riflettere sembrava quasi una contraddizione.
Come non citare qui il meraviglioso inizio di Anarky in UK dei Sex Pistols? 
I am an anti-christ
I am an anarchist
Don't know what I want but
I know how to get it
I wanna destroy the passer
ovvero
Sono un aticristo
Sono un anarchico
Non so quello che voglio
Ma so come ottenerlo
Voglio solo distruggere...
Per i Clash è diverso, cercando di mantenere comunque un linguaggio crudo e diretto, cercano di essere meno superficiali. Bisogna poi dire che a mano a mano che i testi si fanno più profondi, anche il suono si fa meno Punk. Alla domanda di un blogger sul perché i Clash vengano considerati Punk, ho risposto "secondo me perchè erano il gruppo spalla dei Sex Pistols e non sono mai riusciti a scrollarsi di dosso questa etichetta". Non che lo abbiano mai voluto. Anzi, è un gruppo che come nessuno è riuscito, per tutta la carriera, ad essere coerente con gli ideali di questi strani rivoluzionari degli anni 70/80. A volte osservo come la musica Punk dopo la grande onda del 77 abbia preso due direzioni: quella autolesionista, la cui massima espressione è stata Gigi Allin, e quella politica, di cui i Clash sono i caposcuola.
London Calling non ha un testo facile da capire per un italiano del 2014. Cominciamo dal titolo: "London Calling to the faraway towns" era il messaggio con cui la BBC iniziava tutti i notiziari che andavano clandestinamente in onda nelle nazioni occupate di tutta europa. In questo messaggio si avverte la dualità della città, quasi una contraddizione: la grande Londra, capitale del mondo libero che corre in aiuto delle nazioni che hanno ceduto al Nazismo, e nello stesso tempo la disperata Londra, che da sola non c'è la fa, e che ha bisogno dell'aiuto di tutti, anche dei piccoli paesini dispersi per l'Europa.
Questa è anche la Londra degli anni 70, culla della cultura libera d'Europa, città dei Beatles e dei Rolling stones, ma anche una città in difficoltà, limitata dalla politica liberista e moralista della lady di ferro. Ecco allora l'appello dei Clash a tutti i paesi, anche i più piccoli e dispersi d'Europa, affinché si uniscano alla capitale britannica nella loro lotta per la libertà. Appello al quale hanno risposto anche realtà italiane, come Pordenone negli splendidi anni del Great Complotto.
Ecco il testo

London calling to the faraway towns
Now war is declared - and battle come down
London calling to the underworld
Come out of the cupboard, all you boys and girls
London calling, now don't look at us
All that phoney Beatlemania has bitten the dust
London calling, see we ain't got no swing
'Cept for the ring of that truncheon thing
La traduzione la lascio per i numerosi siti che ne hanno già fatte di ottime. L'essenza qui è che la guerra è finita e Londra sta chiamando dall'oltretomba. Ovvero, abbiamo sconfitto i nazisti, ma non il liberismo. Uscite dall'armadio (armadio delle vostre convinzioni). L'unica cosa cambiata è l'anello dei manganelli... Interessante la critica alla Beatlemania, non è una criticLondon calling to the imitation zone
Forget it, brother, you can go at it alone
London calling upon the zombies of death
Quit holding out - and draw another breath
London calling - and I don't wanna shout
But when we were talking, I saw you nodding out
London calling, see we ain't got no hides
Except for that one with the yellowy eyesa diretta ai Beatles, ma al fatto che Londra sembra congelata nella cultura degli anni 60. La grandezza dei Beatles, se da un certo punto di vista, ha fatto fare un grande passo in avanti alla società, dall'altro sta impedendo la nascita di nuove idee.
The ice age is coming, the sun is zooming in
Meltdown expected, the wheat is growing thin
Engines stop running, but I have no fear
London is drowning - I live by the river
Una visione apocalittica della realtà, con un riferimento all'incidente nucleare a Three Mile Island, accaduto negli stati uniti (mi domando perché si parli spesso di Fukushima, Chernobyl, ma mai di quest'incidente che fu altrettanto disastroso).
London calling to the imitation zone
Forget it, brother, you can go at it alone
London calling upon the zombies of death
Quit holding out - and draw another breath
London calling - and I don't wanna shout
But when we were talking, I saw you nodding out
London calling, see we ain't got no hides
Except for that one with the yellowy eyes
Ancora un'appello alla gente, a capire che se anche la seconda guerra mondiale è stata vinta, non è stata vinta la guerra per la libertà, e in molti vivono ancora come zombie. Un filo di ottimismo quando dice: "ti ho visto fare un cenno", come dire, so che anche dentro il tuo armadio sei ancora vivo. Possiamo ancora salvarci.
The ice age is coming, the sun is zooming in
Engines stop running and the wheat is growing thin
A nuclear era, but I have no fear
London is drowning - I live by the river
Altra visione apocalittica. Bello quando dice: Londra sta annegando e io vivo vicino al fiume.
 Now get this
London calling, yeah, I was there, too
An' you know what they said? Well, some of it was true!
London calling at the top of the dial
After all this, won't you give me a smile?

I never felt so much a' like
Molto confuso. Londra sta chiamando e c'ero anch'io... e in parte era vero... Come dire, non basta esserci fisicamente, non basta aderire a qualche protesta. Non è questa la vera libertà. Il non mi sono mai sentito così bene non mi è chiaro, non so se è riferito al "non vuoi farmi un sorriso" o è un ironico riferimento alla sensazione di piacere che provano le persone sotto l'effetto delle droghe pesanti.
Posso solo concludere che questo trovo che sia uno dei più bei testi rock mai scritti, degno di essere messo nella lista dei grandi, assieme a Bob Dylan. Forse per anni incompreso, poiché si dava per scontato che un gruppo Punk non potesse mandare un messaggio profondo. 

Commenti

  1. Mi chiedo per quale motivo tutti traducano 'nodding out' con 'fare un cenno' quando non c'entra assolutamente nulla (non c'entra a livello di traduzione e non c'entra nemmeno a livello di significato). 'to nod out' significa perdere momentaneamente conoscenza a causa della droga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia perché non lo si sa? ....

      Elimina
  2. Non sono molto d'accordo sulla presentazione iniziale dei Clash. Innazitutto i Clash non nacquero come gruppo spalla dei Sex Pistols, lo furono per determinate circostanze (decise dai loro manager McLaren e Rhodes) e per un periodo limitato (Anarchy tour del 1976). Non sono mai stati considerati "inferiori" ai Pistols ma ben altra cosa. Quando uscì il doppio Album London Calling (1979) i Sex Pistols non esistevano più. Sicuramente London Calling (ma era già successo con Give'em enough rope) escono dai "canoni" del punk, e per questo ai tempi furono molto criticati. Ma, per favore, non dite che i Clash erano considerati Punk solo perchè è capitato che fossero il gruppo spalla dei Pistols. Provate ad informarvi sulla vita di Joe Strummer & Company.... please

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai nemmeno idea di quanto bene conosca la storia dei clash e di tutti i gruppi dell'"onda 77" in generale. Sono d'accordo al 100% con quanto dici. Mi riferivo al fatto che per i "non addetti ai lavori" siano considerati tali. Pensa che per la maggior parte delle persone i Clash sono quelli che hanno fatto la colonna sonora della pubblicità dei Lewis...
      Per il resto sono d'accordo al 100% con te

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…