Passa ai contenuti principali

Anarchy in the UK - Sex Pistols

I sex pistols e l'onda punk 77

Sex Pistols, The Clash e l'onda '77.

Abbiamo commentato una canzone dei Clash (London Calling) e come non commentare il capolavoro dell'altro grande gruppo appartenente all'"onda 77", i Sex Pistols? Anarchy in the UK non è solo la canzone Punk per antonomasia, è anche l'icona di una generazione di disadattati, l'inno di chi è contro, un modo di vivere... Ed è grandioso pensare a tutto questo, se consideriamo che il testo è stato scritto in modo quasi dadaista dal frontman, nonché cantante del gruppo, Johnny Rotten.

La semplicità come punto di forza

Ed in effetti la semplicità, che spesso rasenta la banalità, è stato uno dei cardini del successo del Punk. Dice Steve Jones, chitarrista del gruppo: "la gente veniva ai nostri concerti e poi andava a casa dicendo adesso ci provo anch'io. Non avrebbe detto la stessa cosa se fosse stata ad un concerto dei Pink Floyd, perché era musica troppo difficile da suonare". Anche i testi dovevano sortire lo stesso effetto.

La visione del Punk Inglese e del Punk americacno

Il Punk nasce negli Stati Uniti con Patty Smith e i Ramones, anche se qualcuno ne assegna la paternità a Janis Joplin (anche se in questo caso si dovrebbe parlare di maternità). Ciò che distingue il Punk d'oltreoceano dal nostro è il messaggio: molto bohemien per gli americani, fortemente politicizzato per gli europei. Ma questo vale per gruppi come i The Clash, notoriamente di sinistra, non per i Sex Pistols. I Sex Pistols non erano ne di destra ne di sinistra, ne cattolici ne anticattolici, ne Beatles ne Rolling Stones: i Sex Pistols erano soli contro tutto e tutti. Persino la seconda strofa "I'm an anarchist" non sta ad indicare una posizione politica. A detta dello stesso Johnny Rotten la frase era stata scelta semplicemente perché faceva rima con la precedente. Sarà questa stessa scelta di non intraprendere percorsi politici o filosofici, di non voler raffinare il suono, di non voler lanciare un genere, che decreterà la fine del gruppo. Non la fine da un punto di vista commerciale, ma l'autodistruzione. Come dissero loro stessi, hanno smesso di fare musica perché non si divertivano più. Ed in effetti lo posso capire. Il loro Punk nichilista non avrà un seguito importante come il Punk politicizzato dei Clash, ma darà comunque il via ad una corrente che raggiungerà l'apice con Gigi Allin. L'apice o l'estrema bassezza, secondo il punto di vista, ma in ogni caso, non potendo scendere più un basso di così, ne ha decretato la morte (con la morte stessa del cantante).
Per capire a fondo il testo, o meglio, tutto il fenomeno dell'onda Punk 77 dobbiamo anche capire cosa fosse Londra all'epoca. In quegli anni la città avrebbe potuto essere la Milano di oggi. Una città che fino a poco prima era una specie di mecca: ricca, moderna e culturalmente influente in tutto il mondo, improvvisamente, complice la crisi petrolifera e il boom della droga, si ritrova povera, contaminata e dal futuro incerto. Si stava insomma preparando ad 11anni di governo della Margaret Thatcher! In questo clima di disagio, di estrema destra e con queste scarse prospettive per il futuro, si presentano alla ribalta i gruppi Punk (ricordiamo la ripetizione ossessiva della frase "no future no future no future for you" in God Save the Queen).

Testo della canzone Anarchy in UK dei Sex Pistols:

I am an anti-Christ
I am an anarchist,
Don't know what I want
But I know how to get it.
I wanna destroy the passer by
'Cos I wanna be anarchy,
Ho dogs body
Messaggio così chiaro che la canzone avrebbe potuto già finire qui: "sono un anticristo, sono un anarchico, non so quello che voglio, ma so come ottenerlo, voglio distruggerti, perché sono anarchico e non uno schiavo".  Della serie: non credo nelle religioni e nella politica. Non so nemmeno io in cosa credo, ma ti voglio distruggere. L'anarchia in questo caso è una forma di libertà, di disobbedienza, più che un progetto politico. Quello che però emerge meglio in questo testo è la ribellione verso tutto e tutti. Senza un progetto, solo rabbia e ribellione.
Anarchy for the UK
It's coming sometime and maybe
I give a wrong time stop a traffic line.
Your future dream is a shopping scheme
Cause I wanna be anarchy,
It's in the city
Un'auspicio e un'accusa: nella quarta strofa dice "il futuro che sognate è la lista della spesa", mentre nelle altre ci si auspica un arrivo dell'anarchia, non come soluzione dei problemi, ma solo per incasinare la vita dei borghesi.
How many ways to get what you want
I use the best I use the rest
I use the NME.
I use anarchy
'Cause I wanna be anarchy,
Bella qui. L'autore dice che delle numerose vie per ottenere quello che vuoi, lui usa i propri nemici e l'anarchia. Ancora la rabbia che emerge!
 Is this the MPLA
Or is this the UDA
Or is this the IRA
I thought it was the UK
Or just another country
Another council tenancy.
Pesanti accuse alla Gran Bretagna. Chiede se questa sia un'associazione terroristica perché lui pensava fosse la Gran Bretagna e non una proprietà del governo.
 I wanna be an anarchist
(Oh what a name)
And I wanna be an anarchist
(I get pissed destroy)
Persino questo semplice finale ha un significato. La ripetizione del ritornello "voglio essere anarchico (o che bella parola)" che si conclude con "sono completamente sfatto". Io interpreto quest'ultima frase come un "non prendermi troppo sul serio". Ovvero: non pensare che io voglia fondare un movimento politico, filosofico o che le mie accuse verso il governo debbano poi concretizzarsi con delle serie proposte. Sono solo incazzato col mondo, voglio distruggere tutto, non voglio obbedire a nessuno, punto!
Forse Johnny Rotten cercava di evitare quello che poi sarebbe successo: di essere preso troppo sul serio e di essere inquadrato politicamente. 

Commenti

  1. bell'articoolo e sopratutto bel blog dovrebbe ottenere più visibilità su google magari è il caso che sfruttiate il sistema di google stesso per "salire in classifica"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio. Faccio quello che posso. Comunque estendo anche a te l'invito: se vuoi ti piace ti posso dare l'accesso e, quando ti va, puoi scrivere tu qualche recensione che ti piace.
      Per quanto riguarda il sistema google per salire in classifica, non me ne intendo molto. Cosa potrei fare?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…