Passa ai contenuti principali

Ospiti Italiani festival di Sanremo 2014

Un breve post per commentare la presenza degli ospiti Italiani alla prossima edizione del festival della canzone leggera italiana di Sanremo. Come sempre il festival ci tiene in forse fino all'ultimo minuto, fa parte del marketing che gira attorno all'evento canoro, ma sembra che vi siano alcune certezze.

Gino Paoli.

Riesumato per l'occasione. Con tutto rispetto, lo trovo una minestra riscaldata. Se lo si voleva chiamare per un saluto al teatro bene, se lo merita vista la grande carriera alle spalle, ma metterlo nell'elenco degli ospiti ufficiali mi sembra davvero troppa grazia...

Laura Pausini.

In forse fino all'ultimo, anche se la sua assenza era fin troppo ovvia. Per quanto lucrosa sia una partecipazione al festival, risulta molto più lucroso un tour in Brasile. Tenerla in forse fino all'ultimo però ha aiutato a far parlare di questo evento.

Letitia Casta.

Mah! Belle come lei c'è ne sono tante, e visto che non sa cantare, recitare e nemmeno conosce bene l'italiano, non si capisce proprio perchè l'abbiano invitata. Forse per accendere un dibattito sul suo ricco cachè. Non dimentichiamoci che le polemiche sono la miglior propaganda al festival.

Luciana Littizzetto.

Brava e seria professionista, senza ombra di dubbio, ma anche un po' pochino... Cioè, sapere che il pilastro del festival di Sanremo sia una comica che vedo tutto l'anno, ogni sera, sulla RAI mi sembra poco. A meno di non ammettere che l'evento ha ormai perso di importanza. Comunque ripeto, nulla da dire sulla sua professionalità.
Che dire? Per il momento l'enturage di ospiti italiani sembra davvero deludente. Vecchi e scontati quanto inutili. Questa ventata di freschezza e novità promessa per il festival sembra non provenire nemmeno da qui.
Non resta che attendere i nomi degli ospiti strapagati stranieri, che vengono qui, ci trattano come pezzenti e cantano in playback. Dai primi nomi sembra che il festival voglia puntare sui dinosauri, stile Paul McCartney e George Michael, anche se un nome, se pur riesumato dalla storia del rock, attiri la mia curiosità: Roger Waters, ex leader dei Pink Floyd, nonchè padre di quel capolavoro della musica moderna di "the Wall".
Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…