Passa ai contenuti principali

Ospiti Italiani festival di Sanremo 2014

Un breve post per commentare la presenza degli ospiti Italiani alla prossima edizione del festival della canzone leggera italiana di Sanremo. Come sempre il festival ci tiene in forse fino all'ultimo minuto, fa parte del marketing che gira attorno all'evento canoro, ma sembra che vi siano alcune certezze.

Gino Paoli.

Riesumato per l'occasione. Con tutto rispetto, lo trovo una minestra riscaldata. Se lo si voleva chiamare per un saluto al teatro bene, se lo merita vista la grande carriera alle spalle, ma metterlo nell'elenco degli ospiti ufficiali mi sembra davvero troppa grazia...

Laura Pausini.

In forse fino all'ultimo, anche se la sua assenza era fin troppo ovvia. Per quanto lucrosa sia una partecipazione al festival, risulta molto più lucroso un tour in Brasile. Tenerla in forse fino all'ultimo però ha aiutato a far parlare di questo evento.

Letitia Casta.

Mah! Belle come lei c'è ne sono tante, e visto che non sa cantare, recitare e nemmeno conosce bene l'italiano, non si capisce proprio perchè l'abbiano invitata. Forse per accendere un dibattito sul suo ricco cachè. Non dimentichiamoci che le polemiche sono la miglior propaganda al festival.

Luciana Littizzetto.

Brava e seria professionista, senza ombra di dubbio, ma anche un po' pochino... Cioè, sapere che il pilastro del festival di Sanremo sia una comica che vedo tutto l'anno, ogni sera, sulla RAI mi sembra poco. A meno di non ammettere che l'evento ha ormai perso di importanza. Comunque ripeto, nulla da dire sulla sua professionalità.
Che dire? Per il momento l'enturage di ospiti italiani sembra davvero deludente. Vecchi e scontati quanto inutili. Questa ventata di freschezza e novità promessa per il festival sembra non provenire nemmeno da qui.
Non resta che attendere i nomi degli ospiti strapagati stranieri, che vengono qui, ci trattano come pezzenti e cantano in playback. Dai primi nomi sembra che il festival voglia puntare sui dinosauri, stile Paul McCartney e George Michael, anche se un nome, se pur riesumato dalla storia del rock, attiri la mia curiosità: Roger Waters, ex leader dei Pink Floyd, nonchè padre di quel capolavoro della musica moderna di "the Wall".
Alla prossima!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…