Passa ai contenuti principali

Ancora sugli ospiti di Sanremo 2014

Continuano a trapelare news relative a quelli che saranno gli ospiti del festival della canzone italiana. Ad affiancare Fabio Fazio e Luciana Littizzetto ci sarà, anche quest'anno, il comico Maurizio Crozza. Fin qui niente di male, è una tradizione avere un comico al festival. Ma poi leggo gli altri nomi e impallidisco:

Letitia Casta.

Mi dite cosa sa fare questa ragazza oltre ad essere bella? Viene al festival in virtù di cosa???

Raffaella Carrà.

È la storia del festival, un personaggio molto vintage che comunque si fa accettare volentieri. Oltre ad essere stata una grande presentatrice ha anche scalato le classifiche musicali europee con evergreen come "tanti auguri" e "ballo ballo". Aggiungo poi che nelle interviste è sempre molto spigliata.

Franca Valeri.

Mah, io ho 40 anni è l'unica cosa che ricordi di lei è una vecchietta che faceva pubblicità del panettone Melegatti.

Enrico Brignano.

Un banale attore di film panettoni e ospite di minestre riscaldate come "la sai l'ultima" e "scherzi a parte". Un attore secondo me dovrebbe recitare solo nei film, non ne capisco la presenza ad una trasmissione televisiva o ad un festival. Fanno eccezione casi speciali come Checco Zalone e Roberto Benigni, ma siamo davvero su di un altro pianeta.

Luca Parmitano.

Si scrive PaRmitano, non PaLmitano, come riportano i coltissimi giornalisti di Panorama. Il fatto che i giornalisti nemmeno sappiano scrivere correttamente il suo nome la dice lunga... Per carità, rispetto una persona che col suo lavoro ha dato lustro all'Italia, ma cosa centra col festival della canzone leggera italiana???
Tanto per stare fuori tema, ci saranno anche Francesco Totti, Alex Del Piero, Terence Hill e Luisa Ranieri. Cioè, per carità, tutta brava gente, ma cosa ci fa qui? Prendiamo Totti (ma il discorso vale per tutti). Io sono d'accordo a pagarlo milioni di euro per farlo giocare a calcio, è bravo e se li merita. Ma perchè lo devo pagare per sentirlo parlare? (oltretutto manco sa parlare bene). E di cosa dovrebbe parlare ad un festival di musica?
Insomma, mi sembra abbastanza chiaro. Il festival ormai ha capito che il suo successo non ha niente a che vedere con le canzoni. Ormai esistono mezzi di gran lunga più efficaci, come YouTube, iTunes, Spotify, ... per ascoltare musica. Questo evento ormai è solo un calderone di gossip, polemiche, scandali e, soprattutto, opulenza! Centinaia di migliaia di euro riversati in tasche che ne hanno già cifre da fare arrossire! Forse a mia nonna potrà fare piacere vedere Franca Valeri che racconta come si stava in Italia al tempo della guerra...
La mia grande passione per la musica "mi obbliga" a vederlo, ma, se volete un consiglio, e, soprattutto, se vi piace la buona musica, prendete il giornale locale e cercate un concerto da vedere in un teatro e locale della vostra zona. L'evento non avrà lo stesso clamore, ma musicalmente sarà di sicuro più interessante.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…