Passa ai contenuti principali

Addio compagno Gino Paoli

In questo blog mi sono imposto di parlare solo di testi musicali e nient'altro! Spesso ho avuto la tentazione di estendermi ad altri temi, ma ho sempre scelto di tenermici alla larga. Faccio eccezione solo per oggi, ma mi fa troppa rabbia quello che leggo: Gino Paoli che prende la difesa di quella famigerata legge chiamata "equo compenso", di cui praticamente nessuna testata nazionale parla (si noti che questa tassa la stiamo pagando dal 2007, anche se nessuno lo sa).

Il funzionamento è molto semplice: visto che tutti gli italiani, alla faccia della presunzione di innocenza, utilizzano i supporti di memoria (qualsiasi supporto di memoria) per scaricarci dentro roba pirata, tanto vale fargli pagare i diritti SIAE al momento dell'acquisto, sia che si tratti di CD, DVD, Hard Disk, smartphone etc etc. Insomma, qualunque cosa possa archiviare qualcosa. Se poi usate il vostro CD per masterizzarci le foto delle vacanze... bè, sicuramente ne avrete usato un altro per fare pirateria, quindi niente scusette!
In concreto? Voi comprate uno smartphone e oltre al 22% di IVA pagate anche lo 0,12% di equo compenso. Dove andranno a finire quei soldi? Verranno distribuiti per "indennizzare" gli autori, in proporzione alle diffusione delle loro opere. In particolare coloro i quali ne otterranno maggior beneficio saranno:
  • Michele Guardì, autore RAI che, a causa della pirateria, guadagna solo 2 milioni di euro l'anno di diritti
  • Ligaube e Vasco Rossi che si limitano a 1 milione e 600 mila euro l'anno
  • Zucchero e Morricone, solo un milione di euro
  • e poi tra il milione ed i 500 mila euro Jovanotti, Pino Donaggio, Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Francesco de Gregori, Gianna Nannini, ed Eros Ramazzotti.
Quindi lo stato impone allo studente, al lavoratore o l'industriale che sia, una piccola tassa che andrà in tasca ai poveracci sopra citati. Tralascio qualsiasi considerazione morale. Solo ripenso alle favole che mi raccontavano da bambino, ricordate Robin Hood? Quello che prendeva ai ricchi per dare ai poveri? Bè, qui si fa esattamente il contrario, si prende ai poveri per dare ai ricchi. Attenzione, non tutti i ricchi ci guadagneranno, i rivenditori saranno costretti a fare i conti con la concorrenza straniera che non è obbligata ad imporre questo tributo (già nota l'abitudine di comprare CD vergini dall'Austria). 
Quando si ha vent'anni si sente il bisogno di aderire a qualche ideologia, purchè sia forte e radicale, non importa se comunista, fascista, cattolicista o che altro. Per i giovani comunisti, poter annoverare tra i propri compagni nomi come Gino Paoli era quasi una conferma di essere sulla buona strada. Oggi l'autore ha saltato la ringhiera, ed è diventato presidente di una grande multinazionale, e, coerentemente col suo nuovo incarico, cura gli interessi dei potenti a scapito di quelli del "popolo".
Quindi, senza insulti e senza fare polemica, ti volevo dire solo "addio compagno Gino Paoli"!

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…