Passa ai contenuti principali

Festival di Sanremo 2014 - Ecco i big più probabili

In attesa della comunicazione ufficiale dell'elenco dei cantanti ammessi al festival, che avverrà il 18 dicembre, continua la gara tra le varie riviste di gossip, per indovinare chi saranno i big presenti. In particolare la rivista "Chi" ha elencato 13 cantanti che, con ogni probabilità, saranno presenti al grande evento canoro. Poco importa se questi esclusive vengono sistematicamente confutate, l'importante è far parlare (e agli organizzatori del festival va bene così).

Ad ogni modo secondo loro i presenti sicuri saranno:
  1. Antonio di Maggio
  2. Noemi
  3. Giusy Ferreri
  4. Alex Britti
  5. Ron
  6. Grancesco Renga
  7. Francesco Sarcina
  8. Otto Ohm
  9. Caparezza
  10. Gianluca Grignani
  11. il vincitore di X-Factor
  12. Clementino
  13. Mondo Marcio
Si vocifera inoltre di Max Gazzè, Daniele Sivestri, Nicolò Fabi e i Tiro Mancino.
Tra questi, dal punto di vista dei testi, quelli che mi incuriosiscono di più sono:

Max Gazzè.

Testi molto elaborati, anche se non sempre indovinati. Sicuramente poco "sanremesi", motivo per il quale sono curioso di vederlo all'Ariston.

Giusy Ferreri.

Il suo testo migliore è stato "ma il cielo è sempre più blu", peccato che fosse una cover del leggendario Rino Gaetano. Le sue canzoni sono invece impregnate di un forte pessimismo, che poco spesso guadagna il consenso di questo pubblico

Gianluca Grignani.

Geniale il suo primo album, e, anche se sembra assopito, un genio può sempre sorprendere. Tra le canzoni di tutti questi autori "falco senza catene" e "la mia storia tra le dita" hanno i miei testi preferiti.
Comunque poco vale spendere altre parole, aspettiamo piuttosto che esca l'elenco ufficiale.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…