Passa ai contenuti principali

Ospiti del festival di Sanremo 2014

Laura Pausini ritira il premio come vincitrice di Sanremo Giovani del 1993
Col contagocce, al fine di portare la tensione al massimo livello nel mese di febbraio, escono informazioni relative al festival della canzone leggera italiana. Tre nomi grossi hanno dato la loro disponibilità: Laura Pausini, Piero Pelù e Raffaella Carrà.

Laura Pausini.

Semplice, sincero e sensato mi è sembrato il suo intervento. La cantante che ha portato la musica italiana in vetta alle classifiche europee non disdegnerebbe di partecipare a questo festival. Come ospite però, non come cantante. Perchè? Molto semplice: paura di mettersi in gioco. E la capisco! Ormai è un gigante della musica, non deve dimostrare niente a nessuno, partecipare al festival e, magari piazzarsi dietro qualche nuova proposta, potrebbe decisamente nuocere alla sua imamgine.

Piero Pelù.

Il ribello, quello contro tutto e tutti! Quello che snobba la televisione, i salotti buoni, il facile successo e il conformismo, ha deciso di deluderci ancora. Non gli bastava presenziare ad un banale reality, adesso vuole anche partecipare come ospite ad un festival che è l'antitesi di tutto ciò che ha predicato nella sua precedente carriera. Dico precedente perchè, una volta assaggiato il sapore del successo, ha cambiato decisamente stile. Evidentemente il ritorno ai vecchi Litfiba non ha giovato abbastanza al suo portafogli. Bene, vieni al festival ma, mi raccomando, fatti accompagnare anche da Morgan. A proposito, non lesinare interviste in cui dici quello di Sanremo è un buon festival, fucina di nuovi talenti ;)

Raffaella Carrà.

A vederla così sciolta non si direbbe che la "Pippo Baudo" al femminile abbia paura di calcare un palco. Personalmente credo che sia una di quelle persone che si sente a proprio agio solo quando deve interpretare un ruolo che della quale si sente sicura. Ecco perchè in passato a rinunciato all'invito ad essere presente al festival. Questa volta però non vuole mancare, complice, a suo dire, i 60 anni dalla nascita della televisione. Certo, vista in questo modo, lei deve esserci di diritto. Noto anche che sta per uscire un nuovo album, e allora, penso, magari il produttore ci ha messo lo zampino. Quale migliore pubblicità?

Come sono i primi ospiti di Sanremo?

Allora, in conclusione, cosa possiamo dire di questi primi tre nomi? Bè, innanzitutto, che sono nomi grossi. Vale a dire che Sanremo è ancora un festival di punta. Sicuramente a questo contribuisce la conduzione di Fabio Fazio, che riesce sempre a dare lustro ai suoi ospiti e a smarcarsi, con facilità e ironia, a situazioni difficili. Per contro come non notare che alla fine si tratta di vecchi dinosauri? Una comparsata della 70enne triestina ci può stare, ma se dobbiamo farla cantare, al massimo un "tanti auguri" commemorativo. Piero Pelù? Più giovane della Carrà, ma il suo rock è ancora più vecchio di lei (il suo grande rock, sia chiaro che a me i Litfiba piacevano, solo che ormai non hanno più niente da dire). La Pausini? Una grande star attualmente in difficoltà, Sanremo può essere una rinfrescata, ma secondo me dovrebbe trovare il coraggio di entrare come partecipante. Entrare come ospite sarebbe come autopiazzarsi tra le vecchie glorie, tra le cantanti da "revival". Insomma, anche questo festival comincia col sapore di vecchio e di nostalgico.

Ma chi devono essere gli ospiti?

Secondo me dovrebbero partecipare a Sanremo come ospiti solo cantanti stranieri, non cantanti (attori, sportivi, comici) o italiani che fanno generi musicali improponibili al festival (DJ, sperimentali o altro). Al limite posso tollerare la comparsa di vecchie glorie della musica nostrana, come Raffaella Carrà, ma non per proporre un'album nuovo, ma farci riassaporare qualcosa di vecchio (in piccole dosi comunque).

Bene, ora non ci resta che attendere i nomi dei big

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…