Passa ai contenuti principali

Jake La Furia - Inno Nazionale

jake la furia dei club dogo che mangia uva
L'ex cantante dei Club Dogo inizia la sua carriera da solista con l'album "Musica Commerciale", del quale questo inno nazionale è il secondo estratto. Curiosa la scelta di non pubblicare il video sui canali canonici, come YouTube, visto i temi forti ed i problemi di censura. Naturalmente, un cantante attaccato al borsellino come lui, non rinuncerebbe mai ad una simile vetrina, infatti il video lo trovate tranquillamente con una semplice ricerca. Probabilmente si è trattato di una maniera di attirare i curiosi che muoiono dalla voglia di vedere qualcosa di censurato o censurabile (i furbacchioni che lo sanno ormai ti mettono il video di una bambina che mangia il gelato col sottotitolo "censurato da tutte le TV italiane"). Ma passiamo al brano: appare come un RAP che ricorda il west side  per suoni e ritmi, mentre si rifà all'east coast per quanto riguarda i testi fortemente politicizzati e polemici. 

Un'altra buffonata?

Chi mi conosce sa che bollo come buffonate il 90% di questi pezzi, ma, onestamente, questo lo ho ascoltato fino in fondo. Di cosa si parla? Bè, le solite cose dell'Italia. Siamo ormai talmente assuefatti dai mali di questo paese che ormai anche elencarli è diventata una tiritera noiosa. Si parte con qualche gioco di parole sul voto di scambio, sul grande fratello, il mutuo per le vacanze, la polizia che fa gli interessi dei potenti e picchia i manifestanti e via via fino a parlare di prostitute, politica, calcio e solite robe. Forse le uniche novità stanno nel linguaggio, qualche rima particolarmente volgare come: "dentro pieni di merda, fuori puliti" o "siamo la fogna d'Europa". Che dire? Il testo non richiede molte spiegazioni. Il brano alla fine è un motivetto divertente che piacerà per qualche mese e poi annoierà. Manca sicuramente quel qualcosa che potrebbe renderlo meritevole di essere archiviato in una discoteca (pochi sanno che in realtà discoteca è una collezione di dischi, mentre, il luogo dove si va a ballare, si chiama balera).
Certo mi piacerebbe chiedere a questa furia, che parla tanto di violenza di stato, di mafia ecc ecc, se si ricorda l'intervista con la Bignardi dove si vantava di fare rissa negli stadi. Insomma, non vorrei che in questa che tu chiami fogna, tu fossi solo uno st**o in più. Senza rancore ;)
Voto di scambio
ma non sul cambio
la macchina è una fogna
zio, sogna una Lambo
Grande Fratello
troia o travello
bassa statura
basso livello
lo è sempre stato
lo stato contro la legge
protetti dagli sbirri
e da loro chi ci protegge
fogli viola cuciono le bocche
sangue sulle nocche
prove che spariscono
come i turisti di Los Roques
mare di pescecani
terra di dongiovanni
il re dei sette nani
si prende sette anni
stringono patt
trippa per gatt
frate, tutti fatti
tutti rifatti
dentro pieni di merda
e fuori puliti fra
sellano ste cavalle
sembra lo stadio dell'ippica
zio fanno schifo
non metto il naso nella politica
è meglio il mio socio
che ha messo il cazzo nella politica
Fratelli d'Italia
l'Italia protesta
e l'elmo di Scipio
abbassa la testa
truffare, spacciare e trafficare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale
uccidere, rubare, pagare per scopare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale
Guardano il pallone
e vanno nel pallone
dei criminali travestiti da brave persone
qua non c'è Big Meech
qua non c'è Larry Hoover
solo gangster del calcio
tipo Moggi alla Juve
fra qui nessuno lavora
qui nessuno sa niente
sanno a memoria solo Vasco e Mery per sempre
frate la mafia è bella
frate la mafia è giusta
da un colpo di barella
e un finto colpo di frusta
Robin Hood ha il passamontagna con il kalashnikov
vuota i portavalori zio manda banche sul lastrico
il crimine organizzato è organizzato da Dio
il braccio del potere armato è timorato di Dio
zio falsi di marca
farsi il mutuo per le vacanze in barca
tappati il naso se passi perché l'Italia è marcia
siamo campioni a scopa
la fogna dell'Europa
noi siamo la bandiera nera con il teschio sopra
Fratelli d'Italia
l'Italia protesta
e l'elmo di Scipio
abbassa la testa
truffare, spacciare e trafficare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale
uccidere, rubare, pagare per scopare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale
Fratelli d'Italia
l'Italia protesta
e l'elmo di Scipio
abbassa la testa
truffare, spacciare e trafficare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale
uccidere, rubare, pagare per scopare
è l'inno nazionale, è l'inno nazionale

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…