Passa ai contenuti principali

Festival di Sanremo 2014

Cos'è Sanremo?

Arrivano i primi freddi e si comincia a parlare di Sanremo. La curiosità per il festival della canzone leggera italiana non può lasciare indifferenti nemmeno noi. Intanto parliamo del titolo dell'evento: cosa significa musica "leggera"? Significa semplicemente "non impegnata". Questo sarebbe giusto tenerlo bene a mente, visto che spesso le polemiche riferite al festival poggiano sul fatto che manchino spesso all'appello autori di spessore, che lasciano il posto a canzonette. Ebbene, questo è, ed è nato per essere, il festival della canzonetta. Chi non fosse d'accordo rivolga l'attenzione ad un altro festival (sarebbe come lamentare che a San Scemo mancassero testi su tematiche importanti).

Festival dei Fiori.

Sanremo è la città dei fiori. In realtà tutta la costa Ligure è nota per i suoi fiori. In quella zona di costa infatti, con il mare a sud e le montagne alle spalle, esiste un microclima che permette un'ottima coltivazione di fiori. Impossibile non notare le serre mentre si transita sull'autostrada che da Genova porta a Ventimiglia. Ricordiamo inoltre che è terra anche di turismo VIP, motivo per cui si è approfittato per coltivare tulipani piuttosto che pomodori. Purtroppo anche qui siamo stati battuti dall'Olanda che esporta molti più fiori di noi (oltre che pomodori).

Premio Tenco.

Luigi Tenco è una delle pagine più tristi della storia del festival. Si suicidò dietro le quinte durante un festival condotto da Mike Buongiorno. Tengo soffriva il fatto che la sua musica fosse troppo impegnata per essere compresa dal pubblico dell'Ariston. Ecco allora che nasce questo speciale premio, per quei brani che, malgrado non siano canticchiabili, meritano una menzione speciale.

Teatro Ariston.

Costruito dall'imprenditore Aristide Vacchino, il suo nome significa semplicemente "eccellente". Non mi risulta nessun altro riferimento. Da notare piuttosto che è solo dal 1977 che il festival si svolge in questa sede. In precedenza il festival si teneva nel casinò.
Che aggiungere? Buon Sanremo a tutti :)


Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…