Passa ai contenuti principali

A quale concerto andare?

Partono le turnee invernali. Normalmente i grandi nomi preferiscono l'estate, in modo da poter riempire gli stadi. Ciò nonostante questa stagione autunnale è ricca di eventi ai quali vale la pena partecipare.
Personalmente, i concerti ai quali intendo partecipare sono :

Renato Zero

Un evergreen, per le persone a cui piace questo artista. Renato Zero o lo ami o lo odi, quindi inutile aprire un dibattito se valga il prezzo del biglietto oppure no. Se siete dei "sorcini" sapete che ogni suo concerto è un evento unico, reso tale non solo dalle grandi capacità comunicative dell'artista, ma anche dalle meravigliose coreografie, accompagnate da straordinari ballerini. Degna di essere menzionata qui la turnee con Carla Fracci e i Momix.

Modà.

Vado per curiosità. I Modà mi sono sempre piaciuti, e si sono presentati come un gruppo di innovatori. Peccato che l'innovazione sembra essersi fermata al primo album, e rischino di diventare noiosi. La curiosità sta proprio nello scoprire se saranno sempre gli stessi, o, ancora una volta, riusciranno a tirare fuori un'altro coniglio dal cappello.
Ci sono poi i concerti ai quali rifiuterò di andare, anche se dovessi ricevere un biglietto omaggio.

Claudio Baglioni.

Ormai è la macchia di se stesso. Incapace di invecchiare bene, si rende ridicolo con trucco e abbigliamento da adolescente. La musica, interessante alle origini, ormai è sentita e risentita e, negli ultimi 30 anni non è riuscito ad aggiungervi niente di nuovo. Pagare 50 euro per riascoltare per l'ennesima volta "piccolo grande amore" mi sembra veramente un insulto alla miseria.

Marco Mengoni.

Visto che a Sanremo faremo indigestione di questa musica sdolcinata, non vedo la necessità di cominciare ad esserne stufo già da adesso.
Ognuno ha i suoi gusti, naturalmente, ed ogni concerto vale la pena di essere messo su di un palco. Voi a quale andrete?

Commenti

  1. Su Baglioni sei molto sempliciotto amico mio....Il Baglioni di Questo piccolo grande amore è francamente il peggiore....se pensiamo alla grandezza dl disco La vita è adesso, Oltre, Io sono qui e viaggiatore sulla coda del tempo....da ricordare dei pezzi straordinari ricchi di musica e poesia come : Io dal mare, la piana dei cavalli bradi, le vie dei colori, reginella, fammi andar via, tamburi lontani, pace, mai più come te, domani mai, qui dio non c'è, acqua nell'acqua, e adesso la pubblicità, uomini persi, un mondo a forma di te, a clà, quei due, tutto in un abbraccio......QUESTO E' IL VERO BAGLIONI....ma comprendo che a volte è più facile fermarsi alle cose più commerciali e banali....ah dimenticavo....un concerto di baglioni vale sempre la pena per chi vuole sentire una gran voce....i gusti sono gusti...ma giudicare un grande artista ed autore dal trucco o altre banalità mi sembra poco rispettoso....questa è gente che ha dato molto alla nostra musica....POI NON POSSIAMO LAMENTARCI SE ADESSO CI DOBBIAMO SUBIRE DEI PUPAZZI USCITI DA PATETICI TALENT SHOW....Scusate per l'intervento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che fondamentalmente hai ragione. Diciamo che Baglioni non piace a me, ma è un fatto personale. Invece sul look un po' ridicolo, resto della stessa idea (ma poco importa se la musica è di qualità). Relativamente al discorso talent show, direi che solo affiancare Baglioni a quei fenomeni da baraccone è una bestemmia! Quando esprimo giudizi su di lui lo faccio considerandolo un cantautore, e quindi ho aspettative diverse

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.