Passa ai contenuti principali

Non è tempo per noi - Luciano Ligubue

liguabue e gli ideali degli anni 70

Ligabue ci delizia con un vero e genuino Rock!

È un vero testo rock e, in quanto tale diretto e minimalista. Un testo scritto quando il grande Luciano Ligabue era davvero rock!!! Di cosa si parla? Dei reduci degli anni '70, dei ribelli, di quelli che non hanno accettato di far parte della società "giusta" e vivono "border line", ma, se pur con mille difficoltà, si sentono ancora vivi. Anzi, forse sono loro gli unici vivi in un mondo di zombie. Insomma, la descrizione di un'esistenza non proprio felice, vissuta ai margini, ma in modo consapevole e quasi sereno, o, almeno, senza piagnistei.
Nelle prime strofe c'è una stupenda sintesi della situazione: una vita di cui non si è soddisfatti, ma che va accettata così. L'insoddisfazione data dalla continua ricerca di obiettivi che non si riescono mai a raggiungere. Una società bastarda che non da il tempo a chi non ce la fa di prendere il respiro e ricominciare. La continua corsa verso il successo, senza sapere nemmeno il perché. Le eterne domande: "davvero la vita è solo questo?", e l'inesorabile e chiara risposta: "si".

Non è tempo per noi che abbiamo sogni troppo alti

Quindi il ritornello: non è tempo per noi. Noi, che abbiamo altri ideali e che, malgrado l'età, non abbiamo ancora capito, e continuano ad inseguirli (ricorda molto la canzone "stupendo" di Vasco Rossi, quando dice: "è la vita ed è ora che cresci"). "Belli o brutti abbiam facce che però non cambian mai", sottolinea ancora una volta l'immobilità, l'eterna adolescenza, il legame mai rotto con gli ideali degli anni '70. 
La seconda strofa è rivolta alle donne, ed è abbastanza semplice. Dice che da persone come noi puoi avere solo vero amore e passione, ma non soldi, carriera o auto di lusso. Per quelle cose è meglio rivolgersi a persone più ordinarie.

La guerra persa di chi non si adeguerà mai!

Finisce con un "non è tempo per noi che non ci adeguiamo mai", come dire, siamo consapevoli che siamo fuori delle righe, ma non vogliamo cambiare, i nostri sogni ci servono per vivere ( o sopravvivere). Si noti l'utilizzo del "noi", poco comune nelle canzoni di Ligabue, il quale dice che prova piacere a parlare in nome di altre persone. Spiegherà che i "noi" sono tutte le persone che arrivando da un decennio fortemente politicizzato (gli anni '70) sono rimaste deluse dagli anni '80 dove gli ideali politici hanno lasciato il posto ai giochi a quiz e alla disco music.
Ci han concesso solo una vita
Soddisfatti o no qua non rimborsano mai
E calendari a chiederci se
stiamo prendendo abbastanza abbastanza
Se per ogni sbaglio avessi mille lire
Che vecchiaia che passerei
Strade troppo strette e diritte
Per chi vuol cambiar rotta oppure sdraiarsi un po'
Che andare va bene pero'
A volte serve un motivo, un motivo
Certi giorni ci chiediamo e' tutto qui?
E la risposta e' sempre si'
Non e' tempo per noi che non ci svegliamo mai
Abbiam sogni pero' troppo grandi e belli sai
Belli o brutti abbiam facce che pero' non cambian mai
Non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai
Se un bel giorno passi di qua
lasciati amare e poi scordati svelta di me
che quel giorno e' gia' buono per amare qualchedun'altro
qualche altro
dicono che noi ci stiamo buttando via
ma siam bravi a raccoglierci.
Non e' tempo per noi che non ci adeguiamo mai
Fuorimoda, fuoriposto, insomma sempre fuori dai
Abbiam donne pazienti rassegnate ai nostri guai
Non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai
Non e' tempo per noi che non vestiamo come voi
Non ridiamo, non piangiamo, non amiamo come voi
Forse ingenui o testardi
Poco furbi casomai
Non e' tempo per noi e forse non lo sara' mai 

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…