Passa ai contenuti principali

Let it be - Beatles

la madre mary a cui si riferiscono i beatles in let it be

I beatles parlano di pace giustizia e amore

Nel comprendere il significato del testo di questo capolavoro emergono i temi che diventeranno dominanti nella carriera da solista di John Lennon (questo malgrado il testo sia opera di Paul Mc Cartney): la ricerca della verità, della giustizia e della pace. Tutto questo con parole semplici ed i toni pacati che diventeranno il marchio di fabbrica dell'autore di Liverpool. L'inizio, ormai celebre, recita così:
When I find myself in times of trouble
Mother Mary comes to me
Speaking words of wisdom, let it be.
And in my hour of darkness
She is standing right in front of me
Speaking words of wisdom, let it be.
Ho visto traduzioni oscene, quindi vale la pena spendere qualche parolina. Il primo verso lo possiamo tradurre come: "quando sono in difficoltà", mentre il secondo "Madre Mary viene da me dicendo parole di saggezza". Madre Mary è la mamma di Paul Mc Cartney, morta di cancro quando lui aveva 14 anni. "Let it be" viene solitamente tradotto in modo letterale come "sia" o "lascia che sia", in realtà è una frase di senso compiuto che significa "lascia perdere", o, meglio ancora, "lascia stare", "non ti curare",...

Le altre tre strofe dicono che nel buio lei gli stava difronte, pronunciando le sagge parole: "lascia perdere". Attenzione: "è la madre che dice a Paul - lascia perdere -".
Whisper words of wisdom, let it be.
Questa trovo sia la frase più poetica di tutta la canzone: "sussurra parole di saggezza: lascia perdere".
And when the broken hearted people
Living in the world agree,
There will be an answer, let it be.
For though they may be parted there is
Still a chance that they will see
There will be an answer, let it be.
Let it be, let it be. Yeah

I Beatles ci indicano la strada per la pace

Qui in estrema sintesi dice che, quando le persone dal cuore spezzato troveranno un'intesa, ci sarà una risposta: "lascia perdere". Perché, malgrado siano divisi, ci deve essere una risposta: "lascia perdere". E qui il tutto comincia ad avere senso. Anzi, questo e uno dei casi in cui, quando afferri il senso della poesia, questa perde molta forza. Il lascia di cui ci parlano i Beatles corrisponde al nostro perdono. Non continuare a rimuginare, a reclamare vendetta, a roderti dentro. Lascia perdere, dimentica, perdona il tuo nemico... solo così può tornare la pace nel mondo. Ecco cos'è questa saggezza di cui parla la madre di Paul McCartney. Niente da dire, se tutti ascoltassimo questa saggezza oggi nel mondo regnerebbero pace ed amore. Eppure mi aspettavo qualcosa di diverso... di più mistico....
And when the night is cloudy,
There is still a light that shines on me,
Shine on until tomorrow, let it be.
I wake up to the sound of music
Mother Mary comes to me
Speaking words of wisdom, let it be.
"E quando la notte è nuvolosa, c'è ancora una luce che mi illumina, brilla fino a domani: lascia perdere!. Mi svegliero al suono della musica, madre Mary vieni qui e dimmi parole di saggezza, lascia perdere!".

Il bisogno della madre nei momenti di difficoltà

Che dire di questo testo all'apparenza banalotto? Innanzitutto la storia vuole che Paul la abbia scritta in riferimento alle diatribe e alle continue liti che stavano prendendo piede all'interno della band. Non dubito che possa essere così, ma il significato va molto al di la di questo. Si tratta di una situazione tipica dell'uomo adulto, del padre di famiglia, che quando si trova ad affrontare dei problemi da solo e può contare solo su se stesso. E vorrebbe a tutti i costi la madre, che gli illumini la via con le sue parole di saggezza. Allo stesso modo vorrebbe che la saggezza della madre possa illuminare tutto il mondo, tutti i governanti, tutti i signori della guerra, affinchè ritrovino la pace.

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…