Passa ai contenuti principali

Dimentico tutto - Emma Marrone

Dimentico tutto - Emma Marrone
Dimentico tutto è il titolo del testo della nuova canzone di Emma Marrone.
Anche in questa, come in tutte le sue canzoni, Marrone ci mette un sacco di grinta e di incisività, rendendo la canzone molto orecchiabile ed interessante.

Tratta un argomento molto delicato: la delusione e la mortificazione che si provano dopo una storia finita male.

Credo che, col titolo, voglia sottolineare che il miglior modo di vivere questa vita, che è pronta a metterti in ginocchio in ogni momento per qualunque cavolata, è sicuramente dimenticare tutto che ci fa penare. Di essere più tolleranti verso se stessi e di lasciare che gli eventi che il destino ha in serbo per noi, ci scivolino addosso senza preoccuparci troppo né del passato né del futuro.



Ma passiamo alla spiegazione del testo passo per passo:


Il sorriso non lo perder mai

qualunque cosa ti accada
qualcosa ti inventerai
non la vedi ma è la tua strada
e quando ti accorgerai
ti sembrerò un'altra storia
e quella che lascerai
e non si toglie più
l'avere della paura
a meno che tu non ricordi com'era
qua a subirci ancora tante volte
questa vita è forte
trova le risposte
Invita a non perdere mai il buon umore per nessun motivo al mondo e di continuare a credere nelle proprie forze perché solo così ci si può incamminare verso una nuova strada alla quale, ovviamente, siamo destinati.
E quando ci si accorgerà che si sta percorrendo una nuova percorso, sembrerà come se si stesse vivendo una nuova vita e il passato potrebbe riapparire solo se lo si vuole ricordare. Ci ricorda di prendere la vita più alla leggera e di smetterla di maltrattarci/subirci e che siamo persone molto forti: possiamo trovare le risposte a tutti i nostri perché e porre fine ai dolori.

E tanto dimentico tutto

dimentico tutti
i luoghi che ho visto, le cose che ho detto
i sogni distrutti
la storia non è la memoria, ma la parola
non vedi che cosa rifletti
sopra un mare di specchi si vola
Qui, denuncia tutte quelle persone che per egoismo, calpestano i sentimenti altrui dimenticano le promesse fatte nei luoghi in cui hanno vissuto la storia. In più, dice che una storia non va vissuta rammentando il passato ma vivendo al presente. E di non soffermarsi a scrutare se stessi davanti ad uno specchio che non rifletterà mai il nostro vero IO e di andare avanti, volare altrove per ritrovarsi e migliorarsi.

il tramonto lo guarderai

come fosse l'ultimo al mondo
e negli occhi che rimarrai
come fossi l'unica al mondo
e se il tempo lo stringi in mano
il giorno dura un secondo
tu sempre più lontano
e tutto il bene sei tu
perché il destino ci spezza
e perché non vuoi più
più nessuna tristezza
qua a subirci ancora tante volte
questa vita è forte
trova le risposte
Qui sta dicendo che, quando si rinascerà in una "nuova vita", si imparerà nuovamente a godere delle piccole cose, tipo un tramonto. Di sentircisi unica al mondo, di essere padrona del proprio tempo. Agli occhi degli altri, chi non sa, potrà sembrare di essere quasi inarrivabile. Ma dentro si sa che il destino gioca sempre qualche brutto scherzo facendo sì che ci si debba inginocchiare ma non bisogna mai lasciarsi andare, lasciare che la tristezza abbia il sopravvento, bisogna essere sempre forti e trovare le risposte ad ogni dolore.

Io, lei, voi

la mia vita e la tua vita
qui morirei domani
dai non dire così
guarda in alto con la testa fammi di sì
qui ora adesso poi so che cos'è che vuoi
l'alluvione su di noi
stringimi più che puoi
fuori il tempo sta finendo
non parlare se non vuoi
chiudi gli occhi d'ora in poi
d'ora in poi  

Qui, troviamo un Marrone molto dura, molto incazzata. Insomma, molto Rap, 

Diciamo che non è affatto il suo genere ma bisogna anche ammettere che abbiamo sentito di peggio.

Solitamente lo stile Rar vuole un mucchio di parole per comunicare niente, ma Marrone si è impegnata a fare tutt'altro. Infatti, parla di una morte immiente ma che è pronta a cambiare idea se la si stringerà forte nei momenti difficili, anche quando là fuori il mondo sembra stia giungendo alla fine. Vole sentirsi libera di chiudere gli occhi e di non parlare finché non ne ha voglia.


La canzone si conclude con ritornello che abbiamo giù visto qui sopra.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…