Passa ai contenuti principali

Vasco Rossi - Brava

Immagine della canzone brava di vasco rossi
Non me ne intendo molto di gossip, ma ultimamente si parla molto di questa canzone, in quanto Barbara d'Urso sostiene di esserne la destinataria. Fossi in lei non ne sarei molto orgogliosa, visto l'impietosa descrizione che ne fa il Kommandante in questi versi. Ma è chiaro che una valletta, promossa al ruolo di presentatrice, sa che per rimanere nell'olimpo dei grandi basta far parlare di se. Come diceva un politico, per altro molto discutibile, che sia nel bene o nel male purché se ne parli!
Ma di cosa si parla in questo testo? Di una delle esperienze che più di ogni altra condizionerà la vena creativa del Vasco nazionale per tutta la sua carriera. Come "sballi ravvicinati del terzo tipo" riassume in se tutto il suo punto di vista sulla società, questo spiega perchè del suo punto di vista, apparentemente cinico, sull'amore.
Un giovane Vasco, tra i 20 e i 22 anni si fidanza con una bella ragazza. Sarà lui a dire parecchi anni dopo, più precisamente in un intervista rilasciata a Max nel '93, che questa ragazza per tutto il periodo altro non ha fatto che lavorare per distruggere la sua autostima. Finita la storia l'autore se ne esce con le ossa rotte, e con un forte disprezzo verso le donne, che, anzichè dargli amore, lo hanno distrutto, e con una nuova concezione dell'amore, che va vissuto come un gioco, se non come una sfida.
Detto questo è facile capire il testo, che riporto a fine articolo: una ragazza splendida si accorge di lui quasi per caso e decide di commettere un piccolo peccato. Attenzione! La poca importanza non è da destinarsi a Vasco Rossi o alla loro storia (difatti durata due anni), ma al fatto che le lo sminuiva tanto da dare l'impressione che ci seasse insieme così per fare, quasi fosse una badante più che una fidanzata. Le strofe seguenti del primo paragrafo sottolineano la facilità con cui una ragazza così bella lo ha fatto cadere nella rete. Suona quasi come una condanna alla bellezza femminile, cui spesso, non corrisponde una dolcezza dell'anima.
Nel secondo paragrafo si sottolinea che, finita la parte della "conquista", la donna lo umilia, quasi per gioco, solo per vedere fin dove potesse arrivare.
Ultima nota, esperienza su cui tutti siamo passati, il fatto che lei mentisse così bene da sembrargli pulita. E poi la frase finale: "allora forse avrei potuto anche amarti, davvero!". È la più importante, perchè in fondo è la realtà di moltissimi uomini: il fatto di non essere più in grado di amare perchè i loro sentimenti sono stati distrutti da donne ciniche.
A questo punto l'autore dice "la mia vita non la rischio più per nessuno e per niente". Velatamente, ma nettamente, contraddetta nella strofa finale: "certo eri brava però tu sai a fare l'amore". Come dire: nessun rimpianto, eri così bella che ci cadrei ancora. Ne valeva comunque la pena. Anche questo lascerà il segno, perchè da qui nasce la "vita spericolata". Essere disposti a provare tutte le emozioni, anche a costo di uscirne distrutti.
Per gli amanti del gossip: sembra vero che ci si sia stata la storia (anche se Vasco nega), ma il periodo in cui si sono frequentati era successivo a quello a cui si riferisce la canzone!

Il testo:
Ti sei accorta di me
quasi per caso
quasi per caso hai deciso poi
di commettere un piccolo peccato
quando sei riuscita a farmi cadere
con la tua logica di calze nere
ti sei voluta prender gioco di me
ti sei voluta divertire
ed hai voluto vedere
fino a che punto potevi arrivare
fino a che punto mi potevi umiliare
fino a che punto mi avresti potuto anche cambiare
e sei riuscita a farmi credere che
tu fossi pulita
mentre in realtà giocavi solamente
spero che ti sia divertita
Certo è un peccato però sai
allora ero puro
allora forse avrei potuto anche amarti
davvero
e adesso invece non ci credo più
non credo più a niente
e la mia vita non la rischio più
per nessuno e per niente
Certo eri brava però tu sai
a fare l'amore
sembravi nata per farlo
ricordo bene
ricordo bene
ricordo bene
lo ricordo bene 

Commenti

  1. tanto da dare l'impressione che ci "stasse"......!!!!!!!!!!!
    La prego l'italiano è importante, se vuol scrivere su un blog almeno cerchi di scrivere bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio mio! Grazie per la segnalazione (ho provveduto alla rettifica), ma cerca di essere comprensivo. Ci sono circa 300 articoli nel blog, perdonami un errore ;) (Che poi temo non sia nemmeno l'unico....)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…