Passa ai contenuti principali

La Nuova Stella Di Broadway - Cesare Cremonini

Cesare Cremonini - La Nuova Stella Di Broadway
La Nuova Stella Di Broadway è il titolo di una canzone di Cesare Cremonini, tratta dall'album "La Teoria dei Colori".
Anche in questa canzone Cesare dimostra di essere un vero artista a 360°. Lo dimostra scrivendo un testo molto profondo avvolto nel mistero ed una musica dall'infinita dolcezza.

Dopo un lungo periodo di stop, ho deciso di riprendere a scrivere con questa canzone perché è stata quella che ha risvegliato in me la voglia di continuare ad ascoltare le canzoni con più attenzione. Cantautori come Cesare non fanno mai dei testi banali, hanno sempre qualcosa di molto profondo da raccontare, e non li puoi capire con unascolto superficiale.


La canzone inizia con una veloce presentazione dei protagonisti della canzone: lui un businessman e lei una ballerina di Jazz. 
Racconta in maniera superficiale le loro abitudini ed il loro modo di apparire.
Un giorno il ragazzo, annoiato dalla sua vita formale di tutti i giorno, va in un club e si imbatte in questa bellissima ballerina che la definisce "una Stella". I loro sguardi si incrociano ed entrambi sentono una profonda attrazione, amore immediato.
fred astaire & ginger rogersLa cosa per lui sembra così avvincente che inizia ad immaginarsi una storia come quella che aveva avuto Fred Astaire con la ballerina Ginger Rogers. Così il suo desiderio nei confronti di lei aumenta ulteriormente.
Il testo lascia intendere che i due siano andati a letto insieme, ma con grande sorpresa per gli ascoltatori questa volta è lei che se ne va lasciandolo solo nel letto. Al risveglio lui si sente in una tempesta di emozioni e non sa bene cosa pensare, ma ricorda bene l'immagine di quella bellissima ballerina.

La canzone si conclude con lasciando il dubbio su come va a finire la loro storia "d'amore" in quanto dice che lui si risveglia da solo ma che si sente anche l'odore del caffè.
Nel caso vi stiate chiedendo cosa intende con:

New York, New York
è una scommessa d'amore.
tu chiamami e ti vestirò,come una stella di Broadway.
Significa che a New York c'è l'opportunità di conoscere molte persone e, quindi di potersi innamorare, anche di chi non avresti mai immaginato. Il fascino di questa città veste tutto e tutti di una bellezza che in altri posti non avresti notato.


Il bello delle poesie è che ognuno può dargli il significato che vuole, e nessuno può dire che abbia ragione o torto. Lo dico perchè so che tra poco mi attirerò addosso quintali di maledizioni.
Intanto: lui è un businness man! Essere un businness man a New York è come essere segretaria a Milano o operaio a Torino. Non sei nessuno, sei solo una persona partita per diventare un businness man e riscoprire che alla fine sei solo un'altro Fantozzi. Ha comprato pure una "vecchia cabriolet", che poi è l'emblema del "vorrei, ma non posso". La macchina che sognava quando è andato a New York e che si è comprato quando ormai era un pezzo da museo.
Lei leggeva William Blake, il poeta dell'immaginazione, di chi sogna un mondo diverso da quello reale. Scappa dalla realtà, ma quale? Be, oggi giorno come Gigner Roger si vestono solo le prostitute (ricordiamo che negli anni d'oro di Brodway andavano di moda abiti e trucco molto barocchi!!! esattamente come si vestono le donne dei Night).
Ed ecco che una notte, seguendo gli insegnamenti del poeta inglese, immaginano di essere due star di Brodway e passano una notte scintillante. Finita la prestazione la ragazza se ne va e lui trova il letto vuoto e torna nella realtà. L'odore del caffè? L'immaginazione non ha limiti. È un modo per non condannare il protagonista per quello che ha fatto e che, di conseguenza, rifarà.
Ancora una cosa: non avevo visto il video prima di scrivere questa recensione. Ed ha confermato la mia impressione: la ballerina di Jazz in alcuni modelli è un'elegante cantante (l'immaginazione) ed in altri una ballerina da Night (la realtà). Finisce con loro due nel terrazzo (l'immaginazione ha vinto).



Commenti

  1. ?? (Tu chiamami e ti vestiro' come una stella di Broadway...)

    RispondiElimina
  2. Ciao, mi è piaciuta moltissimo questa tua spiegazione, cercavo il significato di questa canzone e ho avuto la fortuna di trovare il tuo blog cercando con google. Complimenti, e non mollare, stai facendo un lavoro molto interessante e soprattutto per stile e ricerca è molto fuori dai soliti canoni e schemi preconfezionati nello spiegare ciò che sta dietro una canzone.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…