Passa ai contenuti principali

Bob Dylan - Knockin' on heaven's door

immagine della canzone knockin on heaven door di bob dylan

Premio Nobel a Bob Dylan.

Bello rileggere questo testo adesso dopo questa grande, e un po' clamorosa, notizia! Complimenti a Robert, uno dei premi Nobel più indovinati degli ultimi cinquant'anni! La mia considerazione? Il gruppo che assegna il Nobel, questa volta,  ha guardato  più lontano dei vecchi cattedratici, che adesso si elevano a detrattori. Bob Dylan è un cantautore, ma anche un  poeta. A parer mio meritava due premi nobel: uno per la letteratura, visto che i suoi testi sono pura poesia, e uno per la pace, avendo dato il via, con i suoi versi, ad grande movimento pacifista degli anni 60.

Guns'n'roses?

Chiariamo una cosa: a differenza di quello che pensa la maggior parte della gente della mia generazione, Knockin' on heaven's door non è una canzone dei Guns'n'Roses, ma del più grande paroliere della storia del rock: Bob Dylan, ribattezzato il poeta dal pubblico americano. Il gruppo di Axl ne ha poi fatta una cover, per altro molto buona, che ha il merito di aver fatto conoscere questo capolavoro ai più giovani. Ma nemmeno quello che io considero uno dei pochi grandi fenomeni della musica tra gli anni 80 e 90, i guns appunto, sarebbe stato in grado di comporre un pezzo simile. La traduzione del brano è piuttosto semplice (anche se sul web leggo castronerie atroci, forse frutto di una veloce traduzione di google translator) e il suo significato non ha bisogno di molte spiegazioni, visto che arriva dritto al cuore. D'altronde stiamo parlando di una delle massime creazioni di un genio.


Mama take this badge from me
I can't use it anymore
It's getting dark too dark to see
Feels like I'm knockin' on heaven's door
Che si può tradurre come:
Mamma toglimi il "badge",
non ne ho più bisogno
sta diventando troppo scuro per vedere
mi sembra di bussare alla porta del paradiso.
Ricordiamoci che quando il poeta scrisse questa canzone gli americani stavano combattendo la guerra del Vietnam, e il poeta era il massimo portavoce del movimento pacifista. Tanto da essere stato spesso censurato e, cosa assai grave in un paese come gli Stati Uniti, accusato di comunismo. Il "badge" è la medaglietta che tutti i soldati americani portano al collo, appesa ad una collana, con tutti i suoi dati identificativi. Quando un soldato muore viene appesa alla lapide, ma, se muore in battaglia e non è possibile riportarne il corpo nel paese natale, il soldato più vicino gliela strappa e la porta all'accampamento per "aggiornare l'ufficio anagrafe".
Le 4 frasi che compongono il paragrafo, che rappresentano il pensiero di un soldato, riassumono una moltitudine di concetti ed emozioni: il desiderio della madre, l'impossibilità di portare a termine il servizio assegnato, l'oscurità che scende e, per finire, la sensazione di bussare alla porta del paradiso, efficacie eufemismo che ricorda l'italico "passare a miglior vita". La sensazione che lasciano queste parole nel cuore di chi le ascolta sono morte, solitudine, inutilità, lontananza dagli affetti... Insomma, quelle tragiche emozioni che hanno provato decine di migliaia di marines morti lontano da casa in una guerra che non sapevano nemmeno perchè stassero combattendo.
Mama put my guns in the ground
I can't shoot them anymore
That cold black cloud is comin' down
Feels like I'm knockin' on heaven's door
Mamma sotterra le mie pistole
Non posso più sparare
Quella fredda nebbia nera sta scendento
Mi sembra di bussare alla porta del paradiso.
È la fine, la vita inutile di un soldato sta arrivando al termine. Sotterra le mie pistole perchè non posso più sparare è un concetto molto forte.  Sono al mondo per uccidere e non lo posso più fare. Ecco cos'è un soldato (secondo Bob Dylan), un niente venuto al modo per uccidere. Un individuo senza affetti che può raccomandarsi solo a sua madre, perchè non ha donna, figlio o altro. In questo senso la morte può sembrare quasi liberatoria, quasi forte. Ecco perchè "bussare alle porte del paradiso". Ma anche questa illusione viene distrutta, quando la morte che sopraggiunge prende la forma di una fredda nebbia che sta scendendo su di lui.

Il testo dei Guns'n'Roses.

Aggiungere una sola parola ad un testo di Bob Dylan è come voler aggiungere una strofa alla divina commedia: si finisce per mettere una bestemmia dentro al padre nostro. I Guns hanno aggiunto un paragrafo intero, scritto in slang e anche piuttosto volgare. Ma, proprio per il netto distacco dal linguaggio originale e per il fatto di non essere stata inserita nella melodia, ma come una telefonata giunta da fuori, li possiamo perdonare. Recita così:
"You just better start sniffin' your own
rank subjugation jack 'cause it's just you
against your tattered libido, the bank and
the mortician, forever man and it wouldn't
be luck if you could get out of life alive"
Knock-knock-knockin' on heaven's door
 che angolotesti traduce in questo modo
è meglio che inizi a sniffare 
nel tuo grado di assoggettamento 
coraggio, perchè sei solo tu contro 
la tua libido stracciata 
la banca e l'impresario, per sempre uomo 
e questa non sarebbe fortuna se tu 
potessi uscire fuori dalla tua vita vivo
Credo che con questo callout,  nella loro versione degli anni 90, volessero estendere il concetto di soldato a tutti quegli americani che ogni giorno combattono la loro guerra per la sopravvivenza. Non più contro Vietkong o altri soldati, ma contro le banche, i creditori, gli affittuari, i datori di lavoro.. altra guerra dove tu sei l'ennesimo inutile soldato, guerra dove non potrai mai vincere, ma nella quale sarai costretto a combattere fino alla morte.

Pat Garrett & Billy the Kid

Questo è il titolo  del film (un anomalo film Wester) per il quale Bob Dylan aveva scritto la canzone. Lo sceriffo uccide il suo amico. Questa canzone potrebbe descrivere perfettamente i sentimenti del protagonista che chiede alla madre di toglierli la stella di sceriffo e le pistole. Il dolore per ciò che ha dovuto fare è troppo grande, non vuole più sparare, vuole cambiare vita. Un fredda nebbia gli sta attanagliando il cuore. Sembra però che, nel momento in cui scriveva il testo, Dylan non conoscesse la trama del film. Dico sembra, non è certo. Quindi rimane una delle plausibili, ma non certe, interpretazioni.


Commenti

  1. Non dimentichiamo comunque che la canzone è stata composta per la colonna sonora di Pat Garrett e Billy the Kid

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Non ho visto il film, ma mi pare che venga da li l'idea che a morire non sia un soldato, ma un polizziotto

      Elimina
    2. no è lo sceriffo che spara al suo amico diventato un delinquente e lui si toglie la divisa il badge per l'orrore di aver ucciso il suo ex migliore amico....

      Elimina
  2. Mai lette tante sciocchezze in una volta sola. La guerra del Vietnam qui c'entra come i cavoli a merenda. La canzona è stata scritta espressamente per il film di Peckinpah Pat Garrett & Billy the Kid, che è del 1973 quando la guerra era al termine ed era da tempo uscita dalle tematiche musicali e di protesta. In realtà il testo fa riferimento alla scena della morte dello sceriffo Baker (Slim Pickens) ucciso da Billy in una sparatoria. Il badge di cui si parla è il suo distintivo di sceriffo e la Mama alla quale si rivolge il testo è sua moglie, che lui chiamava così, che lo assisteva dopo che era stato ferito a morte. Ovviamente la grande nuvola nera che di avvicina è la morte. Per la cronaca la piastrina militare in inglese si dice tag non badge. Quindi un bel cumulo di sciocchezze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche su Wikipedia viene riportata questa versione.

      Elimina
    2. Su wikipedia viene specificato che si tratta di una delle ipotesi. Nessuno è riuscito a mettere un punto fermo su questa canzone

      Elimina
  3. Non mi appoggerei troppo nella traduzione al "pacifismo" e al Wietnam, anche se persiste il concetto in Dylan.
    Knockin on heaven door è la traccia base di un album del '73 che è la colonna sonora di "Pat Garrett e Billy Kid" un film western "anomalo" che è anch'esso un capolavoro. Dylan firma le musiche e recita anche in questo film.
    Quindi se dovessi tradurre io rimarrei più aderente alla trama del film:
    (un fuorilegge stanco di fuggire e uno sceriffo stanco di braccare prede)
    Quindi, ed è solo per fare un esempio, il "BADGE" non rappresenta l'identificativo del soldato USA ma, PIUTTOSTO la STELLA da sceriffo.

    mamma strappami via questa stella
    non voglio più usarla...

    mamma getta a terra la mie pistole
    non voglio più sparare...

    il resto del testo è simbolismo, tutti i segni, le sensazioni portano a pensare che stia arrivando qualcosa di tremendo, di nero presagio. Tutto il film descrive il momento umano della "quiete prima della tempesta", sospensione... e tutto fa presagire che da un momento all'altro un fragoroso tuono, un tremendo squarcio sconvolga la stasi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…