Passa ai contenuti principali

Sanremo 2013 - Almamegretta - Mamma non lo sa

significato del testo della canzone degli almamegretta mamma non lo sa
Sta arrivando il festival di Sanremo 2013 ed eccovi, a partire da oggi, i testi dei "big" partecipanti. Partiamo, rigorosamente in ordine alfabetico,( che non si dica non rispettiamo la parcondicio), dagli Almamegretta, che si propongono con una canzone dal titolo piuttosto ambiguo: "Mamma non lo sa". Forse, prima ancora della canzone, vi interesserò sapere il significato del nome del gruppo: Almamegretta significa Anima migrante, ed è un termine del tardo latino, ma non ancora appartenente alla lingua volgare. Sembra che proprio questo sia piaciuto al gruppo, il fatto che non fosse ne lingua ne dialetto.

Il primo paragrafo è interessante:
Sono nato dove il sole brucia un po'
di più
e il cielo lassù è un po' più di blu
papà lavorava i campi un bel giorno
poi
ci siete venuti voi
Dalla zappa alla catena non è come
andar
una mattina al mar oppure passeggiar
se ti fanno mettere una bella tuta
blu
quello che eri non sei più 
Il luogo d'orine caldo, il lavoro nei campi e delle persone che vengono a portarli via in catene, farebbero pensare alla schiavitù americana, ma la "tuta blu" ci riporta in Italia, e viene da pensare ad un meridionale costretto ad emigrare al nord per lavoro.

Ho imparato a leggere e pure a parla'
mangio scatolette non cucino più
festa del paese non ci vengo e tu?
c'è il pallone alla tv
Mamma non lo sa
qui ci costruiranno la città
porteranno tanta civiltà
e progresso in grande quantità
no no
Mamma non lo sa
qui ci costruiranno la città
porteranno tanta civiltà
siamo avanti e indietro non si va 
 Le scatolette al posto della cucina, ed il calcio al posto delle feste di paese fanno pensare alla perdita delle proprie tradizioni. Il ritornello invece parla di come i media cerchino di convincerlo dell'importanza del suo lavoro, lo dice in modo quasi ironico, sottolineando che stanno creando una grande civiltà.

E poi un giorno
mi avete detto
le cose vanno male
devi venirci incontro
devi fare la tua parte
e tante altre cose che non ho capito
ancora bene
e se anche volessi tornare indietro
troverei il mio paese che ha alzato
bandiera bianca
e i miei campi come deserto
e il silenzio di quelli che amo 

L'attuale crisi economica, e la presa di coscienza che "il grande progetto" è fallito. E la richiesta a chi ha dato tutto per la costruzione di questa "grande civiltà" di fare ancora sacrifici. Sacrifici su sacrifici. Chiaro che a questo punto l'autore vorrebbe tornare indietro, e qui sta l'ultima grande delusione. Tornare indietro non si può! Per costruire il nuovo modo abbiamo bruciato il vecchio con tutte le sue tradizioni, ed ora non sappiamo più dove andare.

Si mamma si lo sa
tutto è vanità di vanità
tienimi la mano
se po' fa
riprendiamoci l'umanità
Tutto è vanità, ovvero ci hanno venduto solo illusioni. Non ci è rimasto più nulla. Ci resta solo il ricordo dei felici momenti passati da bambini quando la mamma ci teneva la mano. Naturalmente questo non è un appello, è solo un moto di nostalgia, di disperazione.

Che dire di questo testo? Be, innanzitutto che è piuttosto scontato. Troppo banale scrivere una canzone che faccia rifermento all'attuale crisi economica. A mio parare la musica dev'essere un'opera d'arte, e, come tale, non avere tempo. Irritante poi la parte "delle scatolette". Ci sono voluti decenni per abbattere i luoghi comuni che disegnavano il sud come una terra arretrata, di contadini mafiosi, ma alla fine c'è l'abbiamo fatta. Quanto tempo ci vorrà per capire che noi del nord non siamo una mandria di ignoranti, egoisti, incapaci di divertirci e legati esclusivamente ai soldi? Naturalmente la canzone non dice questo, ma il supporre che mangiamo solo scatolette...

Forse l'unico passaggio interessante è quello in cui si dice che il vecchio mondo è distrutto, e che tornare indietro non sarà possibile. Speriamo che le prossime canzoni che recensiremo siano migliori.


Commenti

  1. 'alla fine c'è l'abbiamo fatta'? MAH!!!

    RispondiElimina
  2. magari le scatolette fanno riferimento al fatto che gli manca la buona cucina di casa.. e cmq il testo non è scontato affatto! Meglio di ascoltare mengoni e i modà sicuramente che parlano sempre di sto cazzo d'amore che sinceramente ci ha rotto le palle... complimenti per la pessima interpretazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio! La verità è che in questa decade si sente la mancanza di personaggi come de Andrè o Gaber, e spesso penso a loro quando ascolto queste canzoni, per quello forse sono troppo critico, ma resto d'accordo con te1

      Elimina
    2. Facile sparare cavolate su artisti come Marco Mengoni senza neanche conoscerli, sulla base di mezza canzone sentita, forse, alla radio per sbaglio. La canzone degli Almamegretta mi piace tantissimo e, allo stesso modo, adoro il cantautorato italiano e le canzoni passate, di diversi periodi e generi musicali, quindi non parlo tanto per dare aria alla bocca. Provate a conoscere più a fondo gli artisti, le loro personalità e i loro repertori prima di porgere, eventualmente, le vostre critiche. Giusto per avere delle argomenti a sostegno delle vostre tesi.

      Elimina
    3. Infatti contesto la singola canzone, non la carriera di un'artista

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.