Passa ai contenuti principali

Vasco Rossi - L'uomo più semplice

Immagine di Vasco Rossi che canta l'uomo più semplice
Ed ecco la rockstar Italiana per antonomasia presentarsi con il nuovo singolo, dal titolo: "l'uomo più semplice". Diversamente dalla maggioranza delle canzoni del Blasco il significato di questo testo è abbastanza chiaro, e non nascosto tra le righe della canzone.
Il Vasco che canta questo brano è un Vasco non più giovane, che si rivolge ad una donna, probabilmente, anche lei con la sua età. I due si trovano in una situazione che può diventare più "intima", e l'autore invita la fortunata a non lasciarsi sfuggire l'occasione che, nel loro caso, potrebbe essere l'ultima.
Il tema è ricorrente nelle sue canzoni, persino nei primi brani di quando era ancora ventenne. Potrei quasi dire che uno dei temi guida delle sue canzoni è proprio questo: non lasciamoci sfuggire le occasioni, perché un domani, quando non ci saranno più, potremmo pentircene (... domani sarà tardi per rimpiangere la realtà, è meglio viverlaaaa... è meglio viverlaaaa!!! - Vasco Rossi, Gabri). Un pensiero che molto spesso alberga nelle menti dei maschi di fronte alle donne che, spesso, temporeggiano o sono indecise. Ripensando al mio passato, provo maggior rabbia nel ripensare a quello che non ho fatto che agli errori commessi. Vediamo cosa racconta nel dettaglio:
Sono l'uomo più semplice che c'è 
Sono l'uomo giusto per te 
Sono l'uomo di questa sera 
Sono l'uomo di primavera
La prima riga si collega ad uno dei concetti ricorrenti negli ultimi albun: la semplicità. Basta complicare inutilmente le cose, la vita è già difficile di suo, e i momenti felici sono così rari e sfuggenti che non li dobbiamo corrompere (basta che sia facile, basta che sia semplice, basta farsi fottere, basta che sia.... una storia semplice, cielo senza nuvole.... - Vasco Rossi, Stupido Hotel). Le altre tre frasi invece nascondono una velata constatazione: la primavera è anche il simbolo della gioventù, e lui cerca con questa avventura di riprovare le emozioni dell'adolescenza. Il secondo ritornello invece:
Facciamo bene a stare insieme stasera 
Facciamo bene perché è sabato sera 
Facciamo bene, facciamo perché 
c'è l'occasione e l'atmosfera
vuole solo ricordare i lunghi monologhi di cui siamo stati protagonisti per convicere "l'amata" a darci le proprie grazie, sforzandoci di spiegare che non c'era niente di male, che non era peccato, che era l'occasione giusta. Qui mi viene in mente la canzone Eskimo di Guccini, quando dice: "... io per vederlo ci ho impiegato tanto (il tuo seno), filosofando pure sul perchè".
Sì, facciamo bene perché 
siamo vivi 
Domani chi lo sa?
E questo è il cuore della canzone, si riferisce a quello che ho scritto nell'introduzione. Si noti che per vivi non si intende necessariamente "fisicamente vivi", ma ancora in grado di provare certe emozioni.
te la prendi te la responsabilità
Troppo spesso ho sentito donne dire: " se quella volta ne avessimo approfittato...., ormai è tardi". Ebbene, quando me lo verrai a dire, e sono certo che avverrà, sappi che la responsabilità è solo tua.
Che dire di questo testo? Be il Vasco ormai sembra aver finito gli argomenti, e tornare sempre sugli stessi temi. È vero anche che ogni volta riesce ad usare parole nuove e ad accompagnare i testi con musiche straordinarie. Quindi, malgrado tutto, un nuovo pezzo del Komandante è sempre un piacere da ascoltare.
Non resta che ascoltare il nuovo album e, nel frattempo, attendere la nuova turnee.

Commenti

  1. Oh Gesù.. ma davvero credi che dietro ste quattro righe di canzone ci stia un pensiero così articolato? ma và.. l'avrà "scritta" qualche lustro fa in condizioni di botta totale, e ritrovata in qualche cassetto durante il trasloco alla casa di cura..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (prima delle critiche andatevi a leggere il mio post "Albachiara non è una canzone d'amore), Jenny è pazza o brava Giulia, tanto per citarne qualcuna. Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker di Zocca, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per poter cantare questa canzone.

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Stupendo è una delle mie canzoni preferite del grande Blasco! La musica è sua, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani un immenso Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Morire di overdose nel 1999, più che una morte accidentale, sembra un suicidio. Questo da ancora più forza e credibilità ad un testo che parla del male di vivere e del sentirsi inadeguati per questa società marcia e corrotta. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Mi viene in mente qualcuno che fino a ieri cantava canzoni come "nessuno" e oggi "comunisti col rolex". Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione…