Passa ai contenuti principali

Issima - Power Francers

Copertina del disco dei Power Francers
-->




Titolo: Issima
Artista: Power Francers






Il gruppo:
I tre membri, Caterina (Katerfrancers), Davide (Pacchiani) e Antonio (Goldentrash),  si sono conosciuti di tempi delle medie e da lì è nata una grande amicizia, insieme hanno formato il gruppo.
 Il loro nome deriva dal programma televisivo Power Rangers e dal French hous.
L’album:
L’uscita dell’ultimo album dei Power Francers è previsto il 25 settembre 2012.
L’album è anonimo ed è stato introdotto dai singoli: Mamma, Pompo nelle casse,Issima e Stile.
Questo sarà l’album d’esordio di questo giovane gruppo

La canzone Issima:
Issima è il titolo del nuovo singolo dei Power Francers, gruppo musicale hous italiano. Il brano Issima è stato scritto dal gruppo in un momento turbolento della vita sentimentale di Caterina, dopo un litigio col fidanzato la cantante è molto giù e i suoi compagni (Davide e Antonio) la consolano e insieme scrivono Issima, questo brano è stato scritto un po’ per ripicca nei confronti del fidanzato di Caterina.



Testo della canzone:


Issima
Issima
Issima
Issima
Issima

E se non ti piace
io lo faccio lo stesso
e se non ti piace
io lo faccio più spesso
e se volessi tutto
di tutto adesso
e se voglio l’eccesso
eccesso eccesso
e se tu resti fuori


-In questa parte della canzone,il testo fa capire che il fidanzato sta dicendo alla fidanzata che deve essere diversa da com’è.-
io non pago l’ingresso
e se ti chiedi se
il giorno dopo ti penso
e se tra i due c’è un uomo
io sono quell’uomo
-Qui dice che l’uomo della coppia
è lei e non ci sono discussioni. -
e dentro il suono
io sono io sono
Issima
dolcissima
falsissima
io sono
issima
issima
issima
issima
Issima
cattivissima
rigidissima
io sono
issima
issima
issima
issima


-Nel ritornello vengono elencate le qualità della ragazza.-


E se hai paura
e non mi domini
e se troppi ragazzi
e pochi uomini
e se non reggi tanto
tutto quanto lo stile
e se ascolti Power Francers
ma non lo vuoi dire
e se non vuoi legami
ma poi poi mi chiami


-Qui lei fa capire che lui non ha carattere.-


oggi mi ami
ma quanto mi ami


-Qui lei chiede quanto lui la ami.-
e se tra i due c’è un uomo
io sono quell’uomo
e dentro il suono
io sono io sono

Issima
dolcissima
falsissima
io sono
issima
...

Issima
cattivissima
rigidissima
io sono
issima
...

Issima
buonissima
violentissima
io sono
issima
...






Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…