Passa ai contenuti principali

I soli - Biagio Antonacci

Biagio Antonacci - I soli
"I soli" è il titolo del testo della canzone scritta e cantata dal grande maestro Giorgio Gaber e reinterpretata dal bravissimo Biagio Antonacci che si dimostra, anche questa volta, di avere la stoffa per poter essere definito tra i più grandi cantanti della storia musicale Italiana.
E le classifiche e i dischi venduti lo possono testimoniare più delle parole che si possono spendere qui o da altre parti.

La canzone parla della solitudine, un'argomento che secondo me è sempre e sempre sarà di attualità. Ne parlava anni fa il maestro Giorgio e lo si può riproporre tranquillamente oggi. Questo forte desiderio e forte paura di rimanere soli. C'è chi la desidera perché solo in quella maniera potrà sentirsi tranquillo e sereno e c'è chi la teme perché il silenzio della solitudine molto spesso porta alla depressione, alla pazzia.


Ma passiamo alla spiegazione passo per passo della canzone.
I soli sono individui strani 
Con il gusto di sentirsi soli 
Fuori dagli schemi 
Non si sa bene cosa sono 
Forse ribelli forse disertori 
Nella follia di oggi i soli sono i nuovi pionieri
Considerata la grande simpatia di Gaber per lo stato e la politica, credo di aver capito molto bene cosa sta veramente affermando con questa canzone. 
Le persone sole sono viste dalla società, cioè lo stato, come individui strani che trovano piacere a stare soli. Sono persona fuori dagli schemi e per questo fanno paura, perché inizierebbero ad usare la loro testa invece di essere parte del gregge che è stato allevato con tanta cura dalla società.
Non si sa bene come descrivere o cosa realmente siano le persone sole, potrebbero essere dei ribelli o peggio ancora dei disertori pronti a combattere la società e diventare loro i nuovi pionieri di quest'ultima.

I soli e le sole non hanno ideologie
a parte una strana avversione per il numero due 

Senza nessuna appartenenza 
Senza pretesti o velleità sociali 
Senza nessuno a casa a frizionarli con unguenti coniugali 
Le persona sole, secondo lo stato, sono prive di ideologie e insofferenti all'idea del numero due, cioè non essere più soli. Gli considerano come disadattati, degli atei, senza un'appartenenza ideologica e spirituale, senza fiducia e senza pretese dalle vicende sociali visto che a casa non c'è nessuno ad aspettarli.
Ai soli non si addice l'intimità della famiglia 
Magari solo un po' d'amore quando ne hanno voglia 
Un attimo di smarrimento, un improvviso senso d'allegria 
Allenarsi a sorridere per nascondere la fatica 
Soli vivere da soli, soli uomini e donne soli 
Giorgio Gaber - I soliQui Giorgio Gaber esprime dei pensieri molto profondi che secondo me riguardando anche se stesso. Infatti, dice che gli uomini e le donne comunque sia, sono sempre soli, nessuno è fatte per avere una famiglia. Ogni tanto si sente la mancanza dell'amore e ci si rendono conto dell'allegria che esso porta ma è proprio quell'attimo di smarrimento che ci porta a crearla. E così ci si allena a sorridere per nascondere la fatica che comporta avere una famiglia.
I soli si annusano tra loro 
Sono così bravi a crearsi intorno un aria di mistero 
Sono gli Humphrey Bogart dell'amore 
Sono gli ambulanti sono gli dei del caso 
I soli sono gli eroi del nuovo mondo coraggioso 
I soli e le sole ormai sono tanti 
Con quell'aria un po' da saggi un po' da adolescenti 
A volte pieni di energia a volte tristi e depressi 
Continua dicendo che le persone sole si riconosco tra di loro perché sono molto bravi a crearsi questo alone di mistero facendo sì che diventino terribilmente affascinanti, proprio come la grande stella del cinema statunitense Humpherey Bogart.
I solitari sono persona che girovagano per le strade in cerca e in attesa del niente se non del puro caso e per questo gli definisce come degli eroi, persone coraggiose capaci di intraprendere strade sconosciute che potrebbero portare da qualunque parte, qualunque esperienza, qualunque pericolo.

Dice che le persone sole sono tante, con queste parole secondo me identifica anche se stesso in questa categoria, e gli vede con volti da adolescenti ma che esprimono una certa quantità di saggezza. A volte gli vede pieni di energia, convinti di quello che fanno, della strada intrapresa, altre volte invece gli vede tristi e depressi probabilmente sia per il fatto di essere soli, sia per la delusione che lo stato provoca.
I soli c'han l'orgoglio di bastare a se stessi 
Ai soli non si addice il quieto vivere sereno 
Qualche volta è una scelta qualche volta un po' meno 
Aver bisogno di qualcuno cercare un po' di compagnia e poi vivere in due 
È scoprire che siamo tutti soli, vivere da soli 
Soli uomini e donne soli 
La solitudine non è malinconia 
Un uomo solo è sempre in buona compagnia
Dice che le persone sole sono abbastanza orgogliosi da bastare a se stessi, non sono adatti a vivere una vita tranquilla e noiosa. A volte se la scelgono da soli questa vita, altre volte glie lo impone il caso. 
C'è chi decide di farsi una famiglia sua perché sente la necessità di stare in compagnia, di non sentirsi più solo ma presto si accorgerà che alla fine sarà sempre solo e vivrà sempre nella sua solitudine.
Le persone sole non soffrono la solitudine e la malinconia, sono persona in grado di stare bene con se stessi e quindi non si sentiranno mai soli, saranno sempre in ottima compagnia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.