Passa ai contenuti principali

Celeste - Laura Pausini

Laura Pausini - Celeste
"Celeste" è il titolo del testo della canzone tratto dall'album Inedito di Laura Pausini uscito, pensate, in tutto il mondo l'11 novembre 2011.

Sapendo della fama mondiale di cui gode Laura non sto qui a spiegarvi chi è e quanto vale quindi passo subito col dirvi che questa canzone parla del suo desiderio di avere un figlio. Gli dici che non gli mancheranno ne i vestiti, ne i giochi e nemmeno i libri per l'istruzione. Lo vede già che assomiglierà a lei quando gli dice che avrà i suoi stessi capelli.
Si rende conto di quanto lo ami prima ancora di averlo nella sua pancia.

Credo che il punto in cui si capisce con quanto desiderio e amore lo aspetta è quando gli dice che anche lui respirerà questo vento innamorato che sta respirando lei. 

Credo che abbia scelto il titolo "Celeste" per far capire che non sarà mai solo, triste o malinconico perché sarà così amata che ci sarà solo il meglio, solo il sole che splende in bellissimo cielo celeste per lui.

Ovviamente penso che tutti sappiate che questo suo desiderio si è recentemente avverato, infatti Laura è incinta.

Con questo post colgo l'occasione per augurarle tanta fortuna e felicità in questa nuova avventura!

Di seguito testo e video della canzone.
Avrai gli occhi di tuo padre
e la sua malinconia
il silenzio senza tempo che pervade
al tramonto la marea
Arriverai
con la luna di settembre
che verserà
il suo latte dentro me
e ti amerò
come accade nelle favole per sempre…

ti aspetterò
senza andar via
come fanno già le rondini nell’aria
nella terra mia
che invecchia ma
sulla scia di un’altra età ballando
sogna
mentre la tenera luce dell’est
all’alba illumina speranze e ginestre
e il cielo è così…celeste…
celeste…

Avrai libri, sandali e secchielli
luminosi “amarcord”
saranno neri come i miei i tuoi capelli
ma in un attimo lo so
volerai via
verso l’isola lontana
di una città
come ho fatto un giorno anch’io
amore mio
perché il sole può scordarsi della luna…

ti aspetterò
e prima o poi
arriverai senza nemmeno far rumore
ti sentirò
e resterai
mentre ormai le foglie cambiano colore
al mio paese che ancora non sai
dove l’autunno odora di caldarroste
e il cielo è così…celeste!

Come il soffio della vita
che spalanca anche le imposte
e a sorridere ti invita
anche quando non lo vuoi
questo vento innamorato
che anche tu respirerai che respirerai…

e poi avrò il coraggio di aspettarti
ancora un po’
e ti prometto che vedrai dalle finestre
un cielo così…celeste…
celeste…
un cielo così celeste…

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…