Passa ai contenuti principali

Un posto per me - Andrea Nardinocchi


Andrea Nardinocchi - Un posto per me
Da qualche giorno gira sulla radio il testo della canzone “Un posto per me” del poco conosciuto, secondo me ovviamente, Andrea Nardinocchi.

Una canzone molto tranquilla e rilassante con un video a dir poso stravagante. E se posso permettermi, credo che la voce di questo ragazzo sia molto, ma molto somigliante a quella di Luca Napolitano. Chissà che fine ha fato??

La canzone parla della continua ricerca di un posto dove poter vivere meglio da solo e in compagni della persona che si ha accanto ma ovviamente si rende conto perfettamente che un posto del genere non esiste.


Ma passiamo alla spiegazione passo per passo
Vorrei, un posto per me
Anche se
Non c'è
Un posto dove non c'è mai il perchè
Un posto che mi prende, mi toglie il male di vivere
Saltare senza riafferrare dove tutti ridono e trovano un posto per se
Sta dicendo che sta cercando un posto più adatto a se di modo che non si senta sempre fuori posto ma sa che questo non posto non esiste . Vorrebbe essere in un posto non ci sono i perché e non sente il dolore del vivere i giorni bui. Vorrebbe sentirsi libero di poter saltare se non preoccuparsi di come ritornare a terra, perché questo posto in cui si trova adesso è pronto a giudicare, a ridere sentendosi migliori di lui.
Un posto dentro a questo istante
Un posto che mi sente, mi accoglie e non vuole niente
E ricomincia a respirare mentre tutti vivono e trovano un posto per se
Vorrebbe fermare il tempo in questo instante e vivere lì perché quell’instate è quello giusto per lui che è pronto ad accoglierlo e ad accettarlo per quello che è senza chiedere niente in cambio. Solo il questo momento lui sente di poter continuare a respirare liberamente mentre tutto ciò che gli sta attorno continua a vivere la propria vita cercando a loro volta il posto giusto.
E quante volte e dovrà dire
Che mi dispiace, ma devo andare
Vorrei restare
Per poter finalmente dire
Non devo più cercare qui è il posto per me
Si chiede quante volte dovrà ancora scappare dia momenti e luoghi che non sono fatti per lui, il suo desiderio è quello di restare per poter dire e non dover più cercare il posto giusto per se stesso.
Un testo un po’ contorto ovviamente, ma se lo si legge con attenzione ci si può accorgere che sta dicendo qualcosa di molto intelligente e saggio. 


Commenti

  1. Io credo si tratti semplicemente di un eterno pessimista, consapevole del fatto che non esiste un posto al mondo (non fisico naturalmente, ma una condizione mentale e affettiva) dove essere veramente felici. Non esiste per lui, ma non esiste per nessuno, in quanto è prerogativa dell'uomo cercare continuamente un posto migliore.

    L'ultima strofa sta ad indicare proprio il fatto che, se anche avessimo la sensazione di averlo trovato, qualche forza inspiegabile e irrazionale ci spronerebbe comunque ad andarcene e a cercare qualcosa di nuovo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…