Passa ai contenuti principali

Sally - Vasco Rossi

Significato del testo della Canzone di Vasco Rossi Sally

Chi è Sally.

Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

Vasco si guarda indietro.

Questa volta Vasco non guarda dentro di se, ma guarda al suo passato. Rivive i violenti sentimenti dell'adolescenza, le scelte del passato e cerca anche di tirare una qualche conclusione. Questa canzone infatti si distacca dalle altre per due ragioni: perché contiene una "specie" di morale e per il finale "quasi" ottimistico. Vediamo la prima strofa:
Sally cammina per la strada senza nemmeno....
....guardare per terra
Sally è una donna che non ha più voglia
....di fare la guerra
Sally ha patito troppo
Sally ha già visto che cosa....
"ti può crollare addosso"!
Questo è il vasco di fine anni 80. Un vasco proveniente da una giovinezza travagliata: droga, carcere e ripetuti fallimenti musicali. Un Vasco svuotato, che ha perso la voglia di lottare, che ha perso completamente l'interesse per il mondo, tanto da non guardare nemmeno cosa c'è per terra.

Sally è già stata "punita"...
per ogni sua distrazione o debolezza...
per ogni "candida carezza"...
"data" per non sentire....l'amarezza!
senti che fuori piove
senti che bel rumore...
Sally (d'ora in poi chiameremo così l'autore) è cosciente di avere fatto errori nel suo passato, ma sente di essere stata punita troppo per questo. In particolare ha incontrato un mondo freddo, che nei momenti di difficoltà, anziché aiutarlo, lo ha ulteriormente castigato. "Senti che fuori piove, senti che bel rumore" indica la voglia di Sally di dimenticare le persone, che la fanno stare male. Le cose belle si trovano nella natura. Se dimentichi tutti quelli che ti fanno del male, puoi gioire delle bellezze del mondo (che non sono solo la pioggia naturalmente, ma anche il sole, la natura, l'arte, ...). È un tema molto ricorrente nelle sue canzoni, la solitudine e la gente che ti fa del male, specialmente quando ti vede debole.

Sally cammina per la strada sicura
senza pensare a niente!
....ormai guarda la gente
con aria indifferente...
....sono lontani quei "momenti"...
quando "uno sguardo" provocava "turbamenti"..
quando la vita era più facile...
La sicurezza di Sally viene proprio da qui, dall'aver compreso che la vita può essere bella se la smetti di curarti degli altri. Imparare a stare da soli è il primo passo per vivere bene. O, meglio, imparare a stare bene con se stessi. Cosa che il Vasco sosterrà in diverse occasioni di non saper fare (ad esempio stupido Hotel o siamo soli). Certo, con una dose di nostalgia per le cose a cui devi rinunciare, come "uno sguardo che provoca turbamenti". Quando la vita era più facile si riferisce all'adolescenza.
quando la vita era più facile...
e si potevano mangiare anche le fragole....
perché la vita è un brivido che vola via
è tutt'un equilibrio sopra la follia....
..........sopra follia!
senti che fuori piove
senti che bel rumore... 
"La vita era più facile" e "mangiare le fragole" si riferiscono sempre all'adolescenza, periodo in cui non dovevi temere la cattiveria delle persone. Ho letto da qualche parte che il discorso fragole si riferisce alla sua allergia, motivo per cui le doveva mangiare di nascosto. "L'equilibrio sopra la follia" è Sally che deve riuscire a vivere in bilico tra droga, eccessi, arresti, fallimenti musicali, amici che la tradiscono, ... la follia è il mondo che si è scelto, nel quale puoi facilmente affondare se non tieni un'equilibrio. Il senso invece di "senti che fuori piove, senti che bel rumore" lo capiremo solo a fine canzone.

Ma forse Sally è proprio questo il senso...il senso...
del tuo "vagare"...
forse davvero ci si deve sentire....
alla fine....un Po' male!....
Forse alla fine di questa "triste storia"
qualcuno troverà il coraggio
per affrontare "i sensi di colpa"...
e cancellarli da questo "viaggio"....
per vivere davvero ogni momento.....
con ogni suo "turbamento"!....
e come se fosse l'ultimo! 
C'è poco da spiegare. Le sofferenze di gioventù servono a formare il nostro carattere.  Se non soffri non cresci e, se soffri in maniera speciale, allora forse diventerai una persona speciale. Ma la parte davvero difficile è metabolizzare queste sofferenze. Non piangersi addosto e vivere male. Dobbiamo ammettere i nostri errori, capire che fanno parte della nostra crescita, cancellare i sensi di colpa e godere di ogni momento, bello e brutto, e capire che fanno parte della vita, magari trasformandoli in una canzone.

Sally cammina per la strada..."leggera"...
ormai è sera...
"si accendono le luci dei lampioni"...
"tutta la gente corre a casa davanti alle televisioni"..
ed un pensiero le passa per la testa
"forse la vita non è stata tutta persa"...
forse qualcosa "s'è salvato"!!...
forse davvero!...non è stato "poi tutto sbagliato"!
"forse era giusto così!?!"....
Questa è la parte più bella e significativa del testo. È sera, viene il buio e la gente corre davanti alla televisione. Un'immagine, unita al fatto che fuori piove, assai squallida. Sally capisce che questa è l'alternativa. Vivere la pienezza della vita con tutti i suoi turbamenti, o guardare la vita attraverso un teleschermo. E allora si domanda se forse non fosse giusto vivere la vita come lei, malgrado tutte le sofferenze.

forse ma forse ma si....
cosa vuoi che ti dica io
senti che bel rumore

 Il "forse, ma forse, ma si..." ha un doppio significato. Un semplice "si, meglio vivere la vita con la sue sofferenze che stare in casa a guardare la tv", ma anche un rifermento al fatto che alla fine lui c'è l'ha fatta. Cancellati i sensi di colpa, quello che resta è il Vasco Rossi di Fronte del Palco. Il suo cammino difficile alla fine è riuscito a farlo diventare una rockstar. "cosa vuoi che ti dica io... senti che bel rumore..." significa: non aspettarti che ti dica io come si fa, che con questa canzone voglia insegnarti la vita, che voglia scrivere una nuova religione, ... ascolta con me la pioggia, ovvero spegni la tv e comincia a "sentire" il mondo reale. Il rumore potrebbe essere anche la sua musica.

Commenti

  1. un giorno Vasco si studierà nella scuole e nelle università...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gia' piuttosto che studiare cose' la chiave di sol, si studiera' Vasco...

      Elimina
  2. Riguardo all'università non so, ma alle superiori si studia già.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora dimmi dov'è che ci vengo anch'io! =)

      Elimina
    2. Ho scritto superiori, ma in realtà alle scuole medie di Latisana. O, almeno, così mi ha detto un'insegnante di lettere dell'Istituto. Comunque ti dirò, mi piace il Blaso, ma non tanto da tornare a scuola per lui ;)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Il precedente commento e'frutto di un errore...scusate tutti!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Quanta fantasia nella "versione in prosa" di questa bella canzone. Ma un conto è quello che l'autore intendeva, un altro quello che in questa recensione, se così si può chiamare, il recensore ha espresso. Ovvero i suoi desideri e convincimenti circa il significato del testo.
    Ma c'è una differenza tra le proprie idee e quelle altrui: le prime sono ipotesi e come tali andrebbero espresse, le seconde sono il reale pensiero dell'altro.
    Un saluto
    A. M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va?
      Ad ogni modo il Vasco ha confermato in pieno la mia interpretazione (cosa comunque poco rilevante). Resta il fatto che le interpretazioni restano interpretazioni!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.