Passa ai contenuti principali

Imagine - John Lennon

imagine_john_lennon
Interpretare il capolavoro del maestro John Lennon non è molto difficile. Coglierne il senso più profondo forse lo è un poco di più. Cominciamo col dire che il testo, come la musica, di questo lavoro sono stati semplificati all'estremo. Quasi naif! Non che il cantante inglese non avesse gli strumenti letterari o musicali per creare un genere più complesso, ma, a volte, il genio sta proprio qua: passare uno messaggio forte e complesso utilizzando metodi semplici e alla portata di tutti. 

Riporto qui le prime 4 righe del testo:

Imagine there's no heaven
It's easy if you try
No hell below us
Above us only sky
 che si potrebbero tradurre come:
immagina che non ci sia il paradiso
è facile se ci provi
nessun inferno sotto di noi
solo celo sopra di noi
Sono tre i messaggi di questo brano, e già da qui ne emerge il primo. L'invito a pensare ad un mondo senza divisioni, tra paradiso e inferno, ricchi e poveri, giusto e sbagliato, buono cattivo, islamici e cristiani, ... Si, perché le divisioni sono sempre alla base di odio, violenza e razzismo. Pensiamoci bene, in questo secolo si è ucciso per la politica, per la religione, per il denaro e, per quanto possa sembrare assurdo, anche per appartenenza calcistica. In altre parole, l'ex Beatles arriva ad immaginare un mondo senza religioni non perché la religione sia di per se stesso un male, ma perché la religione è già motivo di divisione.

Il secondo messaggio lo si evince molto bene dalla frase: "immagina che ci sia solo cielo sopra di noi". Sembra un paradosso, visto che di fatto sopra di noi c'è solo il cielo (magari con i relativi astri). La forza della frase sta proprio qui: tutte queste cose, paradiso e inferno, Gesù e Maometto, Inter e Milan, non esistono. Ce le siamo inventate noi. Immaginate che bello il mondo se rinunciassimo a tutte queste invenzioni e imparassimo a goderne della sua semplicità.

Poi la speranza:
You may say I'm a dreamer
But I'm not the only one
I hope someday you'll join us
And the world will be as one
che significa letteralmente:
puoi pensare che io sia un sognatore
ma non sono il solo
io spero che un giorno tu ti unirai a noi
e che il mondo diventi un tutt'uno
Non pensate alla prima cosa che vi viene in mente. Non è lo slogan di un partito che ti invita a credere in un ideale a cui appartengono già molte persone... C'è una sfumatura! Ci dice semplicemente: credi in queste cose, anche se sembrano ingenue! Non aver paura di essere solo, perché, anche se non lo vedi, altri la pensano come te... Ma attenzione, ripeto, non è un: "siamo in tantissimi..." e un "continua a sognare e non pensare di essere solo. La solitudine è solo un fatto mentale.".

La frase finale "and the world will be as one", il mondo sarà uno, indica un mondo senza divisioni. Un modo di tutti e condiviso da tutti.

Commenti

  1. Una canzone per me meravigliosa anche musicalmente. Ho tanti ricordi che affiorano ogni volta che l'ascolto.

    RispondiElimina
  2. Io sono troppo giovane per avere ricordi. Me la hanno spacciata sempre come una canzone di Natale. Effettivamente valeva la pena leggerne il testo, ha un significato molto alto

    RispondiElimina
  3. magari non ci fossero più guerre....

    RispondiElimina
  4. testo bellissimo e molto profondo...veramente ti aiuta a capire

    RispondiElimina
  5. Fornisco un'altra interpretazione alla canzone: http://www.significatocanzoni.it/imagine-john-lennon/

    RispondiElimina
  6. Questo potrà accadere quando tutti ci uniremo contro gli alieni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, sembra che l'uomo non possa vivere senza un nemico!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.