Passa ai contenuti principali

Apapaia, Paname, ... - LitfIba

Litfiba concerto
Caratteristica ricorrente in molti dei testi dei Litfiba è quello di usare come titolo della canzone una parola dal significato oscuro. Detta parola viene poi ripetuta continuamente nel ritornello, rendendo spesso di difficile comprensione il significato dell'intero brano. Il caso più evidente è forse la canzone Apapaia. Bene, qui, quando possibile voglio chiarire tutti questi significati. Per farlo è necessario comprendere una cosa: ogni album dei Litfiba ha un filo conduttore. Quindi noi partiremo da Terremoto e andremo a ritroso.

PS: per i più giovani: forse non sapete che fino a metà anni 90 i Litfiba scrivevano testi interessanti, ecco perché vado da Terremoto in giù. Non si offendano i fan se non prendo in considerazione i pezzi recenti, ma un vero fan dei Litfiba considera le ultime canzoni come un insulto alla band originale! Ancora una premessa per chi continua a chiedere: LITFIBA=L(chiamata nei telex)IT(Italia)FI(Firenze)BA(via dei BArdi).

Terremoto.

Album uscito in piena "tangentopoli", i temi trattano il disgusto verso una classe politica corrotta e la voglia di giustizia, che sconfina quasi nella vendetta. Di base c'è l'auspicio di un risveglio di una coscienza popolare.

Fata Morgana.

Si tratta di una forma di allucinazione. È quella strana deformazione che abbiamo dell'orizzonte nelle giornate particolarmente calde, che in alcune località, come lo stretto di messina genera effetti davvero straordinari. Una delle caratteristiche è quella di allungare i sassi dandogli l'aspetto di torri. Si diceva che era la Fata Morgana a creare questi inganni. In questo caso la Fata Morgana sono le bugie dei politici e le torri inesistenti le bugie che ci hanno propinato per diversi anni.

Maudit.

Dal francese, letteralmente, "maledetto". Il maledetto è Piero Pelù che, nel contesto, è il demone che muove i fili nelle antiche commedie per creare il caos. In questo brano vuole muovere i fili per potere per farlo impazzire e, deduco, crollare. Potere politico, religioso, televisivo...

El diablo.

Album disconosciuto dai grandi fan, perché sceso ad un livello più basso nei testi. Il filo conduttore è la ribellione vista come rifiuto del conformismo.

El diablo.

È lui stesso, che si fa chiamare ironicamente così perché è un ribelle e fa paura, non c'è molto da dire...

Woda Woda

Translitterazione della parola inglese Wather, acqua. Così si dice, ma aggiungo io che in alcune lingue, ad esempio il polacco, Woda vuol dire appunto acqua (non so se si scriva così).

Gioconda.

Il celebre quadro di Leonardo da Vinci, famoso per il suo sorriso misterioso. In questo caso gioconda è una donna falsa, di cui è impossibile conoscere i veri sentimenti. Si capisce quando dice "sei tonda come una gioconda". La sfera è una figura perfetta e meravigliosa, ma l'assenza di spigoli la rende perfettamente asettica.

Pirata.

Cangaçeiro.

Cangaceiro litfiba
Erano dei rivoluzionari brasiliani che combattevano contro lo strapotere dei grandi latifondisti, chiamati Colonnelli.

Litfiba 3

In quest'album si parla d'America, ma a parlarne erano i Litfiba ribelli, quindi si tratta di un album di protesta, contro le più clamorose indecenze americane, che noi digeriamo tranquillamente, senza nemmeno porre in discussione il suo ruolo di faro della democrazia. I temi vanno dallo sterminio degli Indiani alla pena di morte. Fanno eccezione due brani, Santiago e Paname, di cui parliamo tra poco.

Santiago.

Santiago Litfiba
Si tratta di Santiago del Cile. La canzone fa riferimento alla visita del "santo padre" durante la dittatura di Pinochet. Il beato Wojtyla era fortemente atteso dal popolo cileno e dai sacerdoti locali, che volevano un'importante testimone dei crimini contro l'umanità che si stavano perpetrando nel paese. Con profondo sgomento della popolazione, si videro l'uomo in bianco comparire dal balcone accanto al sanguinario dittatore. A quel momento è dedicata la canzone.

Luisiana.

pena di morte luisiana
Stato americano che assieme al Texas detiene il triste primato sul numero di esecuzioni capitali negli stati uniti. La canzone è una canzone contro la pena di morte. Il nero che compare nella copertina dell'album era stato l'ultimo condannato dai tribunali della Luisiana.

Paname.

È uno dei modi in cui viene chiamata Parigi dagli stessi parigini, in modo colloquiale. Parte del testo della stessa canzone è in francese.Come mi fa notare un anonimo (purtroppo) nei commenti, che ringrazio, nella canzone "gli angeli" sono i senzatetto che si ribellano (Parigi infatti detiene il primato dei senzatetto nell'Europa occidentale), e che vengono metaforicamente chiamati "corteo di maschere", probabilmente per la "buffa" fisionomia che assumono a causa della durezza della loro vita e del loro abbigliamento. "Saremo l'incubo degli annoiati", ovvero di tutti i parigini bene che vivono la noia della rutine. Saremo la "ghigliottina di ogni legge morale", ovvero il moralismo che gli ha relegati a quella dura esistenza.

TEX.

Il classico cowboy buono nei fumetti della Bonelli editore. Qui rappresenta il "romantico" occidentale che, in realtà, sta portando via la terra agli indiani.

 17 re.

Album contro la guerra. Il titolo dell'album prende il nome dalla canzone che lo avrebbe dovuto lanciare. Si decise poi di rimuoverla dalla playlist, ma il titolo del doppio 33 giri è rimasto lo stesso.

Apapaia.

La Papaia o Apapaia è un albero da frutto del centro america. Per ammissione dello stesso Piero Pelù la parola, in questo contesto, non ha alcun senso.

Varie.

Lacio drom

Buon viaggio nella lingua degli zingari.

Toro loco.

Il toro è un animale meno intelligente di quanto si pensi. I toreri sanno esattamente come un toro reagisce ad ogni loro angheria. Per fare un esempio, un toro quando attacca scorna sempre da destra a sinistra. A volte può capitare un toro "strano" che non si comporti come tutti gli altri, ad esempio che scorni da destra a sinistra, e la sorpresa può causare grossi problemi al torero. Questo è il toro loco, letteralmente "toro pazzo".

Commenti

  1. si i litfiba rappresentano uno dei pilastri della storia del rok italiano sono solo i n'1 e basta per me e' un dono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo con te al cento per cento

      Elimina
  2. Toro loco non è dei litfiba comunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo sapevo :O che pijata a male

      Elimina
  3. Hai ragione anonimo. Ma visto che i testi dei litfiba si presume li scriva Piero Pelù lasciamelo passare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà molti dei testi di 17 re,ma anche di Terremoto, sono stati scritti dagli altri membri della band. Pelù ne scrive molti, ma in quel periodo erano Renzulli, e precedentemente Maroccolo e Aiazzi a scrivere i testi.

      Elimina
  4. I NUOVI TESTI DEI LITFIBA...DA TERREMOTO IN PO...PARLANO DI ENERGIA...PARLANO DELLA NOSTRA CONNESSIONE CON L'UNIVERSO...PIERO A UN CERTO PUNTO HA SMESSO DI GUARDARE LA REALTA' FUORI ED HA INIZIATO A GUARDARE DENTRO...UN DISCO COME INFINITO CON CANZONI TIPO CANTO DI GIOIA NON SARANNO CERTO ROCK...MA TRASMETTONO UNA GIOIA INTERIORE...MONDI SOMMERSI (TUTTI DA SCOPRIRE) SI PUò ANDARE ANCHE SENZA SAPERE DOVE...E L'ULTIMO ELETTRICA...SONO MESSAGGI D'AMORE VERSO L'UNIVERSO...IL MONDO STA CAMBIANDO RAGAZZI VUOI CHE NN CAMBINO I LITFIBA...GUARDATEVI DENTRO...NN C'è NIENTE DI PIù ROCK

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante andrea. Li voglio riascoltare dopo aver letto questo commento.

      Elimina
    2. No comment! Blasfemo...

      Elimina
    3. NO! NON SON PIU' LORO IN QUEGLI ALBUM, DAI...

      Elimina
    4. Andrea, credo tu non abbia "vissuto" i vecchi Litfiba

      Elimina
  5. eccezionali ed inimitabili i primi Litfiba di "Transea" e "Desaparesido", ma anche se adesso fanno un rock più commerciale, non deludono mai! I loro testi, negli anni, non sono mai banali ed il loro rock è adrenalina pura!! N°1 in ITALIA!

    RispondiElimina
  6. Sono fantastici i litfiba li ascolto sempre dalla sveglia del mattino alla sera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rock italiano, purtroppo una rarissima eccellenza in questo senso.

      Elimina
    2. Perché non ammettere che i Litfiba hanno anche relazione con l'esoterismo? Testi come El Diablo, Toro Loco ma anche Maudit hanno riferimenti esoterici se non satanici, come la famosa frase 666, pronunciata anche dagli Iron Maiden. Ciò sicuramente non toglie che sono unici nel loro genere insieme ai Marlene Kuntz, il resto della musica italiana moderna è solo noia

      Elimina
  7. Concordo anch'io con Andrea. Nei primi album, fino a Terremoto diciamo, ha predominato l'anima giovane, incazzata e politicizzata di Piero. Poi è inevitabilmente cresciuto ed ha iniziato a scrivere testi più introspettivi e autobiografici, a mio avviso spesso non disprezzabili (Spirito, Ritmo, Vivere il mio tempo).
    Che dalla metà dei 90 si siano anche più commercializzati come sound è (purtroppo) è un dato di fatto, ma io non butterei via tutto della seconda arte di carriera, anzi...

    RispondiElimina
  8. lingua in cui recita la voce femminile all'inizio di "Istanbul" ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si potrebbe pensare Istambul = Turco, invece è arabo. Per i Litfiba Istambul è la città dove per un momento nella storia la cultura araba e quella europea si sono sfiorate. L'occasione persa insomma.

      Elimina
  9. Su Paname: la canzone è dedicata ai clochard, di cui Parigi (Paname) detiene il triste primato di esserne la capitale Europea per il loro gran numero.
    Nella canzone, la visione è quella dei senzatetto (gli angeli) che si ribellano al loro triste ed ingiusto status quo. I ribelli, che invadono le strade di Parigi, sono metaforicamente disegnati come un corteo di maschere. E come l'incubo dei benpensanti, gli ''annoiati''. Saranno infatti la ghigliottina di ogni legge morale, su questo non penso ci siano dubbi interpretativi.
    Personalmente, trovo la canzone seguire il filo conduttore dell'album,la protesta e la ribellione contro le ingiustizie di questo mondo, anche se non contestualizzata negli USA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stupenda interpretazione! Procedo ad aggiornare il testo

      Elimina
    2. Ciao Linda, mi accorgo che nello scrivere l'interpretazione di Paname, dimentico di presentarmi. Rimedio subito: Piacere michiamo Luca, da Firenze (pressi via dè Bardi....)!

      Elimina
  10. Ciao, mi chiamo gianluca, scusate l anonimato del profilo.
    Volevo dire la mia. Io ho sempre trovato nei testi di Piero il filo conduttore della solitudine, del non essere vicino a modi di pensare stereotipati, il dover affrontare questa condanna ma nel contempo viverla come fonte d ispirazione...potrei citare una marea di testi al riguardo, da ballata in cui dice sto morendo di solitudine, a gira nel mio cerchio in cui spera o invita qualcuno a condividere con lui la sua instabilità maledetta, apapaia stessa...e anche in quelle da solista come bene bene male male...pensateci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Gianluca. Mi trovi presso poco d'accordo su tutto, solo una cosa: ho sempre pensato che "gira nel mio cerchio" fosse una canzone sempliciotta che parla degli effetti dell'alcool. Ero del tutto fuori strada?

      Elimina
  11. Ciao a tutti, sono Luca.
    Piccola riflessione: ascolto oggi ''Dimmi il nome'', e sembra essere stata scritta ieri, non durante tangentopoli.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro sembra che le cose in Italia non cambino mai...

      Elimina
  12. Il mio corpo che cambia...mi piacerebbe saperne di più!

    RispondiElimina
  13. Paname
    Sconsigliando la visione del clip di Pasolini al pubblico sensibile o non maturo, questo pezzo, difficile da comprendere, è capace di trasmettere la sempre attuale sete di reazione alle ingiustizie di questo mondo.

    RispondiElimina
  14. Dice che i nuovi album dopo terremoto non son più testi di peso. ... animale di zona. ... ora d aria.... sparami.... dottor m. .... brado. .... grande nazione. .. tutti buoni....

    RispondiElimina
  15. I litfiba sono senza dubbio da moltissimi anni i migliori complimenti e dovrebbe essere ascoltati anche dalla nuova generazione scansando l orribile musica rap

    RispondiElimina
  16. Bhe!! che dire ?
    Grazie per il tuttfo nel passato e conncordo con la maggior parte di voi, essendo anch´io un fan dei litfiba, concordo sopratutto con il fatto che il piero della prima fase Litfiba, quella fino a terremoto per intenderci, era un ribelle anticonformista da paura ed era questo a mio parere a RENDERLO MOLTO MA MOLTO ROCK;;;
    una piccola domanda.
    all´epoca circolava una voce in cui si diceva che LITFIBA significasse LIT= L´ italia; FI= Finisce; BA= Bari.
    che ne dite?
    avete sentito parlare di questa cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No a dire il vero! Oltretutto, se non sbaglio, Ghigo è di bari

      Elimina
    2. No a dire il vero! Oltretutto, se non sbaglio, Ghigo è di bari

      Elimina
  17. Ghigo è della provincia di Avellino

    RispondiElimina
  18. San Sabino di Canosa (BA) ! Esiste Wikipedia ! Je suis maudit ! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ghigo è di Manocalzati prov di Avellino. Occhio alle cavolate.

      Claudio

      Elimina
  19. Ciao ringrazio tutti per le spiegazioni dei testi.. Io sono un fan dei lifiba sino a all album infinito poi non mi sono piaciuti piu.E proprio per questo continuo ad ascoltare solo i pezzi che vanno da desaparecidos a infinito. Ho provato a seguire pieo pelu quando fece l album io ci sarò, toro loco buongiorno mattina ecc. L ho trovato carino. Ma quei litfiba anni 80 - 90 per me sono e rimarranno pane quotidiano. Saluti a tutti.


    ..
    piegazioni

    RispondiElimina
  20. Ciao ringrazio tutti per le spiegazioni dei testi.. Io sono un fan dei lifiba sino a all album infinito poi non mi sono piaciuti piu.E proprio per questo continuo ad ascoltare solo i pezzi che vanno da desaparecidos a infinito. Ho provato a seguire pieo pelu quando fece l album io ci sarò, toro loco buongiorno mattina ecc. L ho trovato carino. Ma quei litfiba anni 80 - 90 per me sono e rimarranno pane quotidiano. Saluti a tutti.


    ..
    piegazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido al 100%. Che pena poi vedere l'ex diablo in tv con suor Cristina...

      Elimina
  21. Ciao a tutti ...credo che nell'ultimo album eutopia siano ritornati un po i vecchi litfiba testi più "duri" così come la musica, voi che dite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio essere sincero: non riesco più ad ascoltare i Litfiba senza pregiudizi, da quando ho visto Piero Pelù nei reality assieme alle suore...

      Elimina
    2. ragazzi rendiamoci conto che fare della musica rock con testi italiani non e per nulla facile e i Litfiba hanno dato un grande contributo alla musica rock italiana. Ie vecchie canzoni sono sicuramente molto più intriganti e belle xke hanno formato il gruppo e trattavano problematiche socio politiche che ancora oggi dopo 30/40quasi anni sono rimasti immutati. i tempi cambiano e cambia tutto anche la musica dei Litfiba. io credo che non sia solo una mia personale considerazione ma, i Litfiba hanno dato un grandissimo contributo alla musica rock italiana. w i Litfiba. osvaldo

      Elimina
    3. Confermo. Gruppi di successo come i Vanadium sono finiti nel tentativo di passare dalla lingua inglese alla lingua italiana. Ci sono riusciti davvero in pochi.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…